Grano saraceno: cos’è, benefici, utilizzi, controindicazioni

Il grano saraceno si è diffuso in Europa attraverso la popolazione turca. Non si tratta di un cereale, come comunemente si può pensare, ma bensì essendo gluten free è particolarmente indicato per chi ne è intollerante. Veniva coltivato, in passato, per estrarre la rutina utilizzata per contrastare i disturbi come fragilità capillare e problemi alle vene, e oggi utilizzato per le sue numerose proprietà benefiche per il nostro organismo.

In commercio si può trovare sotto forma di chicchi di colore scuro, come pasta e farina. Utilizzato prevalentemente in cucina, si possono preparare delle creme cosmetiche per rigenerare la cute. Scopriamo che cos’è, a cosa serve, che tipo di proprietà benefiche possiede e quali controindicazioni possono insorgere.

Che cos’è il grano saraceno e a cosa serve?

Il grano saraceno, viene spesso considerato erroneamente un cereale per le sue proprietà e utilizzi. In realtà appartiene alla famiglia delle “polygonacee”, possiede un colore nero e non contiene glutine, quindi adatto per i celiaci. Questo ingrediente è utilizzato prevalentemente in cucina, dopo essere stato raccolto e lasciato essiccare. In commercio si può acquistare come farina, in pasta per realizzare pane e prodotti da forno. 

Oltre a essere indicato per regimi alimentari privi di glutine, il grano saraceno è ricco di proprietà ed effetti benefici per il benessere del nostro organismo, ottimo da consumare nei mesi invernali. Tra i vari minerali e vitamine che contiene troviamo:

  • il ferro;
  • magnesio e potassio: per aiutare la pressione sanguigna e favorire il funzionamento dei muscoli e nervi;
  • selenio, zinco, rame: aiutano il funzionamento della tiroide, regolano l’insulina e sono un buon rimedio contro anemia e infiammazioni batteriche o virali;
  • e alcune vitamine del gruppo A, B e J proteggono gli occhi, mantengono la salute della pelle e combattono stress contrastando la stanchezza cronica, cattivo umore e infiammazioni.

Fonte importante di carboidrati, è ideale per sostituire pane e pasta quando si vuole disintossicare l’organismo, contrastare i gonfiori e il grasso addominali, o il peso in eccesso. I suoi chicchi lessati e cotti in padella con l’aggiunta di un po’ di olio, depurano il corpo dai grassi cattivi, riducendo i livelli di colesterolo, trigliceridi e glicemia nel sangue.

Effetti benefici del grano saraceno

Il grano saraceno è un potente alleato per il mantenimento della salute del nostro organismo. I principali effetti benefici sono:

  • basso contenuto glicemico: lo si può trovare sotto forma di pane, pasta, gnocchi o farina;
  • diminuire il valore del colesterolo;
  • favorisce la produzione di insulina, quindi ottimo per i diabetici;
  • ricco di fibre;
  • apporta buone quantità di amminoacidi essenziali utili al nostro organismo per il rinnovamento cellulare.

Proprietà del grano saraceno

I semi del grano saraceno sono ricchi di proteine e per questo indicati in presenza di inappetenza, diete a basso contenuto proteico e per gli sportivi. Le proprietà del grano saraceno sono:

  • ricco di amminoacidi snellenti: i chicchi a forma piramidale, sono ricchi di amminoacidi che integrano nel nostro organismo proteine. In particolare contiene amminoacidi essenziali fondamentali per stimolare il metabolismo, indurre il senso di sazietà e per contrastare il sovrappeso;
  • utile contro il colesterolo e il diabete: questo alimento previene e contrasta problemi cardiovascolari e il diabete. In particolare riduce i livelli di zucchero nel sangue e colesterolo;
  • sgonfia e contrasta la cellulite: i chicchi contengono il potassio in quantità superiori rispetto i cereali, che aiuta a regolare i liquidi e contrasta la cellulite e gli edemi. La sua funzione unita a quella svolta dagli antiossidanti lo rendono un alimento sgonfiante e anti-ritenzione;
  • protegge i capillari e previene le emorroidi: contiene al suo interno la rutina un elemento in grado di proteggere i vasi capillari migliorandone il drenaggio. Ottimo per la prevenzione delle emorroidi, per combattere i radicali liberi e l’invecchiamento;
  • protegge da ansia e stress: in quanto possiede le vitamine del gruppo B necessarie per il cervello, il sistema nervoso, la bellezza della pelle, delle unghie e dei capelli ma anche per contrastare mal di testa e insonnia.

Utilizzi del grano saraceno: in cucina e per uso topico

Il grano saraceno viene utilizzato sia in chicchi che come farina. Lo si può consumare al naturale con un sapore più leggero che si sposa con cibi delicati come pesce e verdure, oppure tostato dal sapore più intenso, molto diffuso in oriente e in Polonia. Solitamente è utilizzato, come riso e patate e per accompagnare vari piatti. Può essere lavorato per ottenere la soba giapponese (spaghetti in brodo), i pizzoccheri valtellinesi, per il porridge inglese oppure per realizzare i “blini” crepes o piccole sfoglie per accompagnare il caviale, come si è soliti fare in Russia. 

La farina di saraceno non è adatta per preparare il pane, in quanto essendo priva di glutine non lievita. Viene pertanto mescolata alla farina di frumento per realizzare prodotti da forno, biscotti e anche il pane non lievitato ma a pasta soda e compatta, crostate dal sapore particolare.

Con la farina si realizza anche la “polenta taragna” un piatto tipico della Valtellina. Oltre che per uso alimentare, il grano saraceno viene utilizzato anche per la preparazione di detergenti e creme per donare morbidezza alla pelle e rigenerare la cute.

Cottura e modalità di conservazione del grano saraceno

Il grano saraceno cuoce dai 20 ai 30 minuti ma occorre fare molta attenzione a non farlo cuocere oltre, per evitare di farlo diventare una poltiglia. Per contrastare l’eccessivo assorbimento dell’acqua, si può saltare in padella con un filo d’olio o dell’uovo in modo da creare una pellicola che chiuda il chicco senza farlo inzuppare. La farina va conservata in frigo per non farla inacidire mentre i semi tostati o naturali possono essere conservati per un anno.

Dove si acquista il grano saraceno? Prezzo

Il grano saraceno può essere acquistato in erboristeria, nei negozi per celiaci, in farmacia, nei supermercati più forniti, nei negozi specializzati nella vendita di prodotti biologici, online e nei siti e-commerce. In commercio si trova in chicchi, come farina, pasta, pane, gallette, biscotti e prodotti da forno. Viene utilizzato anche in numerosi e come ingrediente per gli alimenti per celiaci. Il prezzo al chilo non supera i 4 euro tranne che per il grano di origine biologica che può costare anche 5 euro. Per tutti i prodotti da forno il prezzo varia a seconda della marca e mentre i prodotti senza glutine, hanno dei prezzi imposti a seconda dell’azienda che li produce.

Controindicazioni del grano saraceno

Occorre prestare particolarmente attenzione agli alimenti realizzati a base di grano saraceno, in quanto spesso viene mescolato a cereali e questo può risultare pericoloso nel caso in cui dovessero essere consumati da celiaci o persone che hanno sviluppato intolleranze – allergie. Coloro che seguono terapie a base di farmaci per non fare coagulare il sangue, è bene che ne limitino il consumo a causa della presenza della vitamina K e per le proprietà antiemorragiche del grano.

Si consiglia, inoltre, di non consumare troppa farina di grano saraceno, perché può provocare un’irritazione della pelle nelle zone più esposte al sole. Anche gli animali possono soffrire di questo disturbo se ne mangiano molta.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi