Zinco: cos’è, in quali alimenti si trova, proprietà benefiche e controindicazioni

Lo Zinco è un minerale estremamente importante per l’organismo, presente all’interno di diverse formulazioni naturali a contrasto di disturbi e patologie. Lo Zinco attiva ben 300 funzioni diverse ed enzimi, prodotto dall’organismo umano in circa 2 grammi dalle ghiandole salivari, dal pancreas, dalla prostata e dalle cellule immunitarie.

Il minerale prodotto dal nostro corpo si rivela però insufficiente. Proprio per questo motivo lo Zinco deve essere integrato attraverso l’alimentazione, o sotto forma di integratori. Andiamo quindi ad approfondire tutti gli aspetti legati allo Zinco, dalle proprietà benefiche alle controindicazioni.

Zinco: cos’è, in quali alimenti si trova

Lo Zinco è un minerale importante per il corretto funzionamento dell’organismo umano, mentre in natura si presenta come un metallo moderatamente reattivo. La scarsa quantità prodotta dall’organismo umano richiede la necessità di un’assunzione integrata tramite l’alimentazione. Lo Zinco può essere assunto anche sotto forma di integratori, presenti in commercio nelle farmacie ed erboristerie, ma il consiglio migliore rimane quello di associarlo alla dieta giornaliera.

In quali alimenti si trovano fonti di Zinco? Il minerale si trova presente soprattutto nei molluschi, nei legumi e cereali, nella carne rossa, nei funghi, nelle uova, lievito di birra, semi, frutta secca e cioccolato. A seconda dei diversi alimenti le quantità di Zinco possono variare e devono essere calcolate sulla base della percentuale presente ogni 100 grammi di prodotto.

Proprietà benefiche dello Zinco

A livello del benessere fisico lo Zinco vanta numerose proprietà per il mantenimento funzionale del sistema immunitario. Un carenza di questo minerale provoca un progressivo indebolimento generale soprattutto nei bambini e negli anziani. Insufficienti apporti di Zinco possono provocare anoressia, disturbi della crescita, stati depressivi, lesioni cutanee, disturbi della vista e perdita dei capelli.

Lo Zinco contrasta l’invecchiamento della pelle e i radicali liberi, velocizzando i processi di cicatrizzazione delle ferite. Il minerale previene la degenerazione maculare, si dimostra efficace contro il diabete, rafforza le unghie e incrementa la ricrescita dei capelli. A livello riproduttivo lo Zinco migliora il funzionamento degli apparati sessuali, interviene nella regolarizzazione dei livelli di colesterolo nel sangue, contrasta i dolori della sindrome premestruale e combatte la depressione. 

Zinco: dosi giornaliere consigliate

Le dosi giornaliere di Zinco variano a seconda dell’età del soggetto e del sesso. Per gli uomini adulti si consigliano 10/15 milligrammi al giorno; per le donne e i bambini dai 9 ai 13 anni circa 8 milligrammi al giorno. Le donne in stato di gravidanza e allattamento devono invece aumentare i dosaggi di Zinco a 11/15 mg giornalieri. I bambini al di sotto dei 9 anni devono integrare dai 3 ai 5 mg di minerale. Gli integratori di Zinco vanno assunti lontano dai pasti, secondo quanto riportato all’interno dei bugiardini dei vari prodotti.

Zinco e controindicazioni

Lo Zinco non presenta particolari controindicazioni tossiche per l’organismo. Gli unici effetti collaterali si collegano ai dosaggi eccessivi e alle manifestazioni di diarrea, crampi addominali, stanchezza generale, mal di stomaco, problemi a livello metabolico basale, nausea.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi