Miele: proprietà, caratteristiche, benefici

Il miele viene prodotto dai processi di trasformazione delle api e dagli interventi umani per ricavarne la sostanza. Il miele trova un ampio impiego soprattutto dal punto di vista culinario, presentando un sapore decisamente dolce a seconda delle varie qualità, ma presenta anche diverse proprietà benefiche per l’organismo.

La scoperta del miele risale circa al VI millennio a.C., grazie al ritrovamento delle primissime ernie costruite dall’uomo. Andiamo quindi ad approfondire tutte le caratteristiche, le proprietà, i benefici e le controindicazioni del miele nel corso dei paragrafi successivi.

Miele: caratteristiche e processi di lavorazione

Il miele viene prodotto sopratutto dalle api, ma in proporzioni minori anche da altri insetti imenotteri, tramite il nettare o la melata. Il miele ricavato può presentare diverse tipologie a seconda delle sostanze zuccherine raccolte in natura dalle api.

Tra le principali fonti di approvvigionamento per le api si trova il nettare, che viene prodotto dalle piante da fiori, ma anche la melata, ricavata dalla linfa degli alberi, prodotta a sua volta da alcuni insetti. La composizione del nettare si presenta diversa a seconda della pianta di produzione, mentre al suo interno si trova generalmente la presenza di glucosio, fruttosio, glucidi e acqua.

Il miele viene prodotto dalle api passando per diversi processi. Alla base il composto passa all’interno dello stomaco di alcuni uccelli e insetti, dove viene temporaneamente depositato il cibo, ossia nell’ingluvie. Successivamente le api, una volta giunte all’interno dell’alveare, rigurgitano il miele in una sostanza liquida, mentre le specie operaie provvedono alla sua digestione per la durata complessiva di circa 30 minuti.

L’ultimo processo di lavorazione del miele prevede la sua disidratazione, allo scopo di prevenire la sua fermentazione. Le api operaie provvedono quindi al deposito della sostanza sulle pareti delle celle, mentre le api ventilatrici mantengono la giusta ventilazione all’interno dell’alveare. Per giungere alla maturazione ideale il miele impiega in totale 36 giorni, variabili a seconda della qualità del nettare.

Proprietà benefiche del miele, dosaggio giornaliero

Il miele risulta un alimento prezioso dal punto di vista alimentare, ricco di zuccheri semplici che gli conferiscono il suo alto valore dal punto di vista energetico. Grazie alla presenza di vitamine, sali minerali, zuccheri semplici, oligominerali il miele vanta proprietà antibiotiche, di accrescimento per i muscoli, incrementa la resistenza fisica, con un’azione decongestionante e calmante in presenza di disturbi come la tosse.

Il miele presenta un’azione cardiotropa, un’azione protettiva per il fegato, diuretica, antianemica e un’importante funzionalità di fissaggio del calcio e del magnesio per le ossa. Giornalmente si consigliano circa 20/30 grammi di miele in sostituzione dello zucchero.

Le diverse varietà di miele, composizione interna e valori nutrizionali

In commercio si trovano diverse varietà di miele: 

 

  • Miele di castagno
  • Miele di timo
  • Miele di eucalipto
  • Miele millefiori
  • Miele di acacia 
  • Miele di tiglio
  • Miele di agrumi
  • Miele di rosmarino

 

Il miele è ideale come dolcificante all’interno del latte, del caffè, delle tisane, come sostituto dello zucchero nella preparazione dei dolci, sfruttato anche negli impasti salati per il suo potere ammorbidente. 100 grammi di miele contengono:

  • Kcal 304 
  • Carboidrati 82.4 grammi
  • Grassi 0 grammi 
  • Proteine 0.3 grammi
  • Fibre 0.2 grammi 
  • Zuccheri 82.12 grammi 
  • Acqua 17.1 grammi
  • Ceneri 0.2 grammi
  • Calcio mg 6
  • Sodio mg 4
  • Fosforo mg 4
  • Potassio mg 52

 

  • Ferro mg 0.42
  • Magnesio mg 2
  • Zinco mg 0.22
  • Rame mg 0.036
  • Fluoro mcg 7
  • Manganese mg 0.08
  • Selenio mcg 0.8
  • Betaina mg 1.7
  • Retinolo mcg 0
  • Vitamina A, IU IU 0
  • Tiaminamg 0
  • Riboflavina mg 0.038
  • Niacina mg 0.121

 

  • Destrosio 35.75 grammi 
  • Fruttosio 40.94 grammi 
  • Galattosio 3.1 grammi 
  • Maltosio 1.44 grammi
  • Saccarosio 0.89 grammi

Miele: le controindicazioni

Il miele viene sconsigliato ai bambini più piccoli, al di sotto dei 2 anni, a causa del rischio di infezioni come il botulismo infantile. L’alimento è inoltre sconsigliato alle persone diabetiche per via del suo alto contenuto di zuccheri, ai soggetti sotto regime alimentare ipocalorico. 

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi