Appendicite: sintomi, cause, alimentazione, terapie e rimedi naturali

L’appendicite è un’infiammazione a carico dell’appendice che viene provocata da qualcosa che la irrita o che blocca la cavità interna, conosciuta in medicina come “lume appendicolare”. Si tratta di una patologia molto comune e dolorosa che se non viene trattata adeguatamente può comportare delle complicazioni serie, tra cui la “peritonite”. 

Generalmente ciò che si infiamma è una piccola e sottile formazione che somiglia a un lombrico, cava all’interno, della lunghezza variabile dai 5 ai 10 cm, che rappresenta il prolungamento dell’intestino crasso. Questa prende il nome di “appendice vermiforme”. Si trova nella parte inferiore destra dell’addome, sotto l’ombelico ed è costituita da tessuto linfatico.

Nei primi anni di vita, l’appendice svolge il compito di filtro, come le tonsille e fa quindi parte del sistema immunitario di ognuno di noi. La sua infiammazione è rara al di sotto dei due anni di età e tra gli anziani, ma molto diffusa tra i dieci e i trent’anni. Si manifesta maggiormente nei paesi occidentali e industrializzati, a causa della sedentarietà e della scorrette alimentazione. Andiamo a vedere quali sono i principali sintomi, le cause che provocano l’infiammazione e che tipo di trattamenti e rimedi naturali, anche dal punto di vista alimentare si possono seguire.

Sintomatologia

L’appendicite, come abbiamo detto, è l’infiammazione dell’appendice, un organo localizzato nella parte iniziale del colon, e quindi situato nella parte inferiore destra dell’addome. L’appendicite acuta si manifesta con dolore addominale talmente forte da dovere ricorrere alle cure mediche e talvolta è necessario recarsi al Pronto Soccorso.

Colpisce indistintamente sia uomini che donne, di età compressa per lo più tra i 10 e i 30 anni. Il sintomo principale è un fortissimo dolore addominale, improvviso, localizzato nella parte destra. In genere si avverte come primo sintomo vicino l’ombelico, poi si sposta più in basso e verso destra. Nelle 12-24 ore successive il dolore si colloca tra l’ombelico e l’osso dell’anca (nella “fossa iliaca destra”), in corrispondenza dell’appendice. A questi sintomi possono anche associarsi:

Questi sintomi variano da persona a persona e spesso possono essere confusi con altre patologie, quali:

  • ostruzione intestinale;
  • malattie infiammatorie dell’intestino;
  • malattie infiammatorie pelviche;
  • disturbi ginecologici;
  • aderenza intestinale.

Esistono casi in cui l’appendicite acuta non abbia alcun tipo di sintomo tra quelli citati, ma se si inizia a sospettare qualcosa è bene recarsi dal proprio medico che attraverso la palpazione dell’addome riuscirà a capire se  i disturbi possono essere collegati o meno all’appendicite.

Se non si interviene tempestivamente, possono insorgere complicazioni entro le 12-24 ore dalla comparsa dei primi sintomi. Può succedere anche che l’appendicite si gonfi ed essendo infiammata può rompersi e perforarsi, in questo caso le sostanze contenute al suo interno possono infettare la cavità addominale provocando ascessi e peritonite.

Principali cause

Come abbiamo anticipato, l’appendicite può essere causata da un’ostruzione del lume, ovvero la cavità interna dell’appendice. Il muco che viene prodotto, si insidia all’interno del lume facendo proliferare i batteri che normalmente si trovano in quella sede, con la conseguenza che l’organo si gonfia e viene infettato.

L’ostruzione può essere dovuta a:

Per quanto riguarda i follicoli appendicolari, la loro crescita può essere indotta anche da infezioni come tifo, morbillo, infezioni respiratorie, mononucleosi e gastroenterite virale. Non appena avviene l’ostruzione, il muco si accumula perché continua a essere prodotto e si riversa nella sede appendicolare. Aumenta così la pressione interna dell’appendice, e cominciano a sorgere i primi sintomi dell’appendicite come nausea, inappetenza e dolori non troppo forti. 

Linee guida alimentazione

L’alimentazione svolge un ruolo fondamentale nel benessere dell’organismo, e se non si vuole incorrere nel rischio di un’appendicite acuta la dieta da seguire deve essere sana, equilibrata, con il giusto consumo di fibre associata a una regolare attività fisica. Si consiglia sempre di masticare bene i cibi, lentamente in modo da facilitare il processo della digestione. Andiamo a vedere quali sono gli alimenti consigliati e sconsigliati quando viene diagnosticata questa patologia.

Alimenti sconsigliati

Una volta diagnosticata l’appendicite, è bene evitare il consumo di:

  • alcolici e superalcolici;
  • bevande gassate;
  • cacao e cioccolato;
  • caffè e tè;
  • carni grasse;
  • spezie, curry, noce moscata, pepe e peperoncino;
  • formaggi fermentati e grassi;
  • insaccati, lardo;
  • dolciumi e prodotti di pasticceria elaborati;
  • pesci grassi, crostacei e molluschi;
  • cibi fritti;
  • verdure.

Alimenti consigliati

I cibi che possono essere consumati durante la sintomatologia dell’appendicite sono:

  • carote;
  • finocchi;
  • insalata verde;
  • melanzane e zucchine;
  • carni bianche o rosse magre cotte al vapore;
  • pesci magri;
  • probiotici e yogurt;
  • latte scremato o parzialmente scremato.

Diagnosi

La diagnosi di appendicite viene fatta sulla base di un esame clinico ma può essere necessario dovere effettuare alcuni esami come:

  • esame del sangue per controllare il valore dei globuli bianchi, VES e proteina C reattiva;
  • ecografia addominale;
  • TAC che può aiutare a capire la natura del dolore, a evidenziare la presenza di ascessi o patologie a carico di altri organi.

Trattamenti

Il trattamento dell’appendicite acuta o cronica può essere:

  • chirurgico: si intervenire con una piccola incisione sul fianco destro che varia a seconda della gravità della situazione o ricorrendo alla “laparoscopia” con dei benefici per le donne in età fertile o soggetti obesi, sia dal punto di vista della diagnosi che della ripresa precoce;
  • conservativo: nei casi in cui vengono somministrati antibiotici per fare calmare l’infiammazione, in attesa di stabilire il trattamento farmacologico adeguato.

La terapia dell’appendicite acuta è la chirurgia, che consiste nella rimozione dell’organo che può essere eseguita in laparoscopia o in modalità “aperta”. Le modalità e i tempi di degenza del paziente possono variare in funzione della gravità della situazione.  Il medico può anche decidere di tenere sotto controllo le forme più lievi, quindi non acute, o croniche prescrivendo degli antibiotici, una dieta opportuna e indicando quali alimenti è opportuno eliminare o limitarne il consumo.

Rimedi naturali

L’unico modo per porre fine in via definitiva all’appendicite è intervenire chirurgicamente, rimuovendo l’organo infiammato. Si tratta di un intervento rapido e semplice, se non ci sono particolari complicazioni in atto. In attesa però dell’intervento e nei casi in cui la situazione non viene considerata dal medico grave, vengono somministrati analgesici oppure lassativi a base di: psillio, mucillagini, crusca, aloe e rabarbaro. 

Talvolta vengono anche consigliati dei rimedi naturali a base di:

  • semi di fieno greco: l’utilizzo regolare di tè a base di questi semi può aiutare a mantenere in salute l’appendice. Basta prepararlo mettendo un cucchiaio di semi in un litro di acqua fredda, lasciare bollire il tutto per 30 minuti e filtrare il liquido prima di consumarlo;
  • semi di verdura: la combinazione ideale è di 100 ml di succo di barbabietola, 100 ml di succo di cetriolo uniti a 300 ml di succo di carota, un mix utile per il benessere dell’appendice. Può essere consumato fino a un paio di volte al giorno;
  • siero di latte: in caso di forme croniche di appendicite si può bere un litro di questo siero.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi