Salvia: cos’è, proprietà, utilizzi e controindicazioni

La salvia è una pianta aromatica che ha origini medio orientali ed europee, strettamente legate all’area mediterranea. La sua caratteristica principale è la capacità di resistere a qualsiasi temperatura e di adattarsi a ogni tipo di terreno. Oggi viene anche coltivata in casa. In Italia ne esistono varie specie ma le più conosciute sono la salvia tradizionale e quella Officinalis.

Viene principalmente utilizzata in cucina per aromatizzare i piatti ma anche in cosmetica e in medicina come rimedio a varie sintomatologie. Scopriamo nello specifico a cosa serve, come viene utilizzata, se funziona realmente per sgonfiare la pancia, e quali potrebbero essere le sue controindicazioni se utilizzata impropriamente.

Cos’è e a cosa serve la salvia?

Come accennato, la salvia è una pianta che appartiene alla stessa famiglia del rosmarino e del timo, che cresce nelle aree meridionali dell’Europa e che si può trovare in tutto il mondo. Questa pianta è utilizzata molto in cucina per dare gusto e sapore ai piatti ma ne sono bene note le sue proprietà antinfiammatorie, digestive, diuretiche, disinfettanti e cicatrizzanti che ne permettono un utilizzo anche in campo medico. 

Il principio attivo della salvia si ottiene dalle sue foglie che si raccolgono in primavera ed estate. Subito dopo la raccolta, vengono fatte essiccare all’ombra e poi conservate in buste di carta o di stoffa. Le foglie fresche vanno conservate al buio all’interno di barattoli in vetro.

Origini della salvia e curiosità

Fin dai tempi degli Egizi, dei Greci e poi dei Romani si faceva largo uso della salvia, dove veniva considerata una pianta sacra tanto da essere venerata e raccolta con dei rituali particolari. Era utilizzata specialmente dai romani come decotto per tamponare le ferite sanguinanti, come disinfettante ma anche come tisana per combattere la tosse e il mal di gola. Solo nel Medioevo venne considerata un rimedio per curare tutti i disturbi, una sorta di preparato dai poteri magici che proteggeva dalla peste e resuscitava i morti.

Alla salvia veniva associato l’appellativo di “potente afrodisiaco” per uomini e donne e oggi infatti è utilizzata per donare sollievo ai disturbi legati alla menopausa. In cina, in ambito medico tutt’ora è un ottimo rimedio sia per problemi di natura fisica che psicologica. Nella medicina ayurvedica, invece, per combattere emorroidi, vaginiti e infezioni oculari.

Principi attivi e valori nutrizionali

La salvia contiene diversi oli essenziali, flavonoidi e fitoestrogeni, vitamina B6 e vitamina A e beta-carotene, vitamina C. 100 grammi di prodotto apportano 315 calorie e presentano:

  • Proteine 10,63 g
  • Carboidrati 60,73 g
  • Zuccheri 1,71 g
  • Grassi 12,7 g
  • Colesterolo 0 mg
  • Fibra alimentare 40,3 g
  • Sodio 11 mg

Principali utilizzi della salvia

La salvia viene principalmente utilizzata:

  • per combattere tutti i disturbi legati alla sfera femminile come dolori mestruali, sintomi della menopausa, amenorrea;
  • disturbi intestinali per rilassare la muscolatura;
  • come antinfiammatorio contro mal di testa e reumatismi;
  • come diuretico;
  • per stimolare la produzione dei succhi gastrici;
  • come decotto per liberare le vie respiratorie, gengiviti, infezioni del cavo orale;
  • come infuso per curare il diabete e sgonfiare l’addome;
  • per contrastare l’osteoporosi;
  • in cosmetica per la realizzazione di dentifrici, per prodotti come shampoo, detergenti per la pelle e lozioni;
  • in cucina grazie alle sue foglie, che donano un sapore gustoso ai primi, secondi piatti e anche ai dolci salati.

Decotto di salvia

Il decotto di salvia viene preparato in caso di problemi relativi alla bocca come infezioni del cavo orale, gengiviti, ascessi dei denti o varie lesioni. Inoltra ha effetti benefici anche sull’esofago, sulla digestione perché stimola la peristalsi. Recenti ricerche hanno dimostrato come il decotto possa intervenire positivamente sui sintomi legati alla menopausa.

La salvia aiuta davvero ad avere un ventre piatto?

Diversi studi a riguardo hanno dimostrato come in aggiunta ad una dieta sana ed equilibrata, la salvia favorendo la digestione possa anche intervenire sul girovita. Se preparata come infuso o , calma le infiammazioni a carico dello stomaco specie quando si è mangiato troppo magari anche cibi grassi o pieni di zucchero. Può essere assunto per purificare l’organismo dalle tossine, combattere la stitichezza, la flatulenza principale causa del gonfiore addominale.

Proprietà terapeutiche della salvia

La salvia è conosciuta per le sue innumerevoli proprietà benefiche del nostro organismo, come ad esempio:

  • funzione antibatterica e antinfiammatoria: ottima per combattere gli stati influenzali che colpiscono le vie respiratorie. Per questo utilizzo vengono preparati decotti, suffumigi con oli essenziali e le sue foglie come cicatrizzanti e disinfettanti;
  • rimedio naturale contro l’osteoporosi;
  • proprietà digestive: stimola la produzione dei succhi gastrici, aiuta la digestione, controlla gli spasmi, i crampi, la diarrea, riduce la flatulenza e sgonfia la pancia.
  • rimedio naturale contro la sindrome premestruale sotto forma di tisana o infuso;
  • rimedio naturale per combattere la stanchezza in quanto stimola il sistema nervoso centrale e per combattere l’insonnia;
  • rimedio naturale contro il diabete;
  • rimedio naturale per combattere la ritenzione idrica con effetti diuretici;
  • rimedio naturale per pelle, denti e capelli.

Effetti benefici della salvia

Oltre alle proprietà che abbiamo già menzionato, possiamo anche dire che la salvia sia ottima per rigenerare la mente in quanto offre beneficio al cervello, migliorando la concentrazione e stimolando la memoria. Viene utilizzata come protezione gastrica, per contrastare la glicemia, il sudore e per digerire. Inoltre la si può mettere insieme ai cibi per mantenerne intatta la freschezza.

Controindicazioni ed effetti collaterali della salvia

Attualmente non sono stati riscontrati effetti collaterali da attribuire alla salvia, specie nell’uso alimentare. La cosa importante è non utilizzare dosi eccessive dei prodotti che contengono questo principio attivo per evitare di renderlo tossico per il nostro organismo provocando debolezza, nausea e vomito, vertigini, tachicardia, tremori e convulsioni. In caso di gravidanza e allattamento non utilizzare la salvia perché può essere nociva per il nascituro. In presenza di patologie legate al sistema nervoso se ne sconsiglia totalmente l’utilizzo perché può causare epilessia.

Dosaggio e modalità di utilizzo della salvia

Nella preparazione di un infuso o decotto bastano solamente 5-6 foglie lasciate macerare in una tazza di acqua bollente, per vedere i primi benefici. In alternativa si possono fare bollire le sue foglie in acqua bollente e consumarlo dopo i pasti oppure masticarne qualche foglia sarà utile per rinforzare le gengive e sbiancare i denti.

Per la realizzazione del collutorio per problemi relativi al cavo orale potete anche aggiungere al preparato del miele e dell’aceto per aumentarne l’efficacia. Gli impacchi di salvia, ad effetto rinfrescante, invece alleviano il prurito provocato da morsi di insetti o eritemi.

Dove si compra la salvia? Prezzo

La salvia la si può trovare in commercio sotto forma di integratore in compresse, capsule, in foglie, come tisana, infuso e decotto, come ingrediente di prodotti cosmetici e come olio essenziale.

È acquistabile in erboristeria, in parafarmacia, nei negozi specializzati nella vendita di prodotti biologici, ed online. Il costo oscilla dai 15 euro ai 100 euro a seconda della tipologia e della qualità del prodotto. Si raccomanda sempre di consultare un medico o un erborista prima di procedere all’acquisto di qualsiasi prodotto a base di salvia e soprattutto di evitare le somministrazioni fai da te. 

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi