Frullati: proprietà e benefici, vantaggi, consumo consigliato e controindicazioni

Negli ultimi anni è diventata una buona e diffusa abitudine consumare frullati per incrementare il consumo di frutta, verdure e altri ingredienti come frutta secca. Questi alimenti consumati singolarmente o miscelati per la preparazione di gustosi frullati, possono aiutare a dare energia alla mente e al corpo. I cibi che consumiamo hanno da sempre un notevole impatto sull’energia, sul peso, sull’umore ma anche sulla concentrazione. Proprio per questo motivo è bene scegliere con cura gli ingredienti con cui preparare gli “smoothies”.

I frullati sono un modo veloce per accompagnare e arricchire la propria alimentazione di nutrienti e per il raggiungimento di obiettivi. Scopriamo quali sono le varie tipologie di frullati, che tipo di proprietà e possibili effetti benefici possono avere sul nostro organismo e quali controindicazioni possono avere.

Che cosa sono i frullati?

I frullati vengono così chiamati perché per prepararli occorre utilizzare un piccolo elettrodomestico, da cui prendono il nome: “frullatore”. Sono conosciuti anche con il nome di “smoothies” e grazie al loro basso contenuto di calorie e possibili effetti benefici, vengono consigliati come supporto a regimi alimentari particolari. La frutta e la verdura sono alimenti benefici per il nostro organismo, pervia delle numerose proprietà che possiedono, la presenza di vitamine e sostanze antiossidanti. 

Per la preparazione di un buon frullato è necessario seguire delle piccole regole come: non frullare insieme frutta e verdura, scegliere alimenti biologici e non sostituire i regolari pasti, ma bensì consumarli come un’aggiunta alla dieta mediterranea o al regime alimentare consigliato da un esperto. Il consumo è consigliato solitamente a colazione oppure a merenda.

Proprietà ed effetti benefici

Come sappiamo, frutta e verdura sono ricche di proprietà e la preparazione dei frullati consente di apportare al nostro organismo: fibre, sali minerali, antiossidanti, vitamine e acqua. Questi ingredienti sono utili per aiutare a mantenere in salute il nostro organismo. In particolare:

  • possono aiutare a contrastare la stipsi;
  • possono aiutare a favorire una depurazione dell’organismo;
  • possono aiutare a drenare i liquidi;
  • possono aiutare a espellere le tossine;
  • possono aiutare a reintegrare i sali minerali persi;
  • possono aiutare a favorire il benessere dell’apparato digerente;
  • possono aiutare a migliorare la flora batterica dell’intestino;
  • possono aiutare a favorire il benessere della pelle;
  • possono aiutare a contrastare stress e stanchezza;
  • possono aiutare a rendere più tonica la pelle;
  • possono aiutare a ossigenare e idratare i tessuti.

Tipologie di frullati

Si possono preparare numerosi tipi di frullati a seconda della necessità o degli obiettivi che si vogliono raggiungere, da consumare in associazione a una sana ed equilibrata alimentazione, praticando anche regolare attività fisica. In generale si possono preparare frullati:

  • da consumare a merenda, chiamati per questo “spezza fame”;
  • che possono aiutare a depurare l’organismo;
  • che possono avere una possibile azione energizzante;
  • che possono aiutare la digestione;
  • che possono aiutare a favorire la produzione della melanina.

Ciascuno di questi frullati possiede delle proprie peculiarità che possono aiutare ad apportare dei benefici al nostro corpo.

Ingredienti dei frullati

La frutta e la verdura sono gli ingredienti principali per la preparazione di un frullato, meglio se bio. C’è chi ama combinare i due ingredienti, avendo cura di frullarli separatamente, e chi invece ama consumarli solo a base di frutta o di verdura.

Al frullato si può aggiungere, per renderli meno cremosi, dell’acqua, del latte vegetale, dell’acqua di cocco o dello yogurt. Quelli a base di frutta sono più calorici rispetto a quelli a base di verdure, quindi è bene non esagerare con il consumo. Gli ingredienti più utilizzati sono:

  • ananas: ricco di vitamine A e C, calcio, fosforo e potassio, che può aiutare a depurare l’organismo;
  • mela: ricca di fibre e vitamine, che possono aiutare a depurare, ad alleviare i bruciori di stomaco e a rafforzare il sistema immunitario;
  • avocado: contiene molta vitamina E e B, molti grassi buoni, fibre, che possono aiutare a contrastare il colesterolo alto, la stitichezza e a migliorare il benessere della pelle;
  • mango: può svolgere una possibile azione antibiotica naturale, depurativa, diuretica e lassativa, ideale per aiutare a contrastare la ritenzione idrica, la pelle spenta e il mal di testa;
  • carota: ricca di vitamine, antiossidanti, ferro e betacarotene, può aiutare a rafforzare il sistema immunitario, a favorire la produzione della melanina, e a rallentare i processi d’invecchiamento;
  • papaya: può avere una possibile azione antiossidante, ottima per la digestione;
  • kiwi: ricco di vitamine, può aiutare a contrastare le infiammazioni, i segni dell’invecchiamento e a rafforzare le difese immunitarie;
  • sedano: ideale per aiutare ad abbassare gli zuccheri nel sangue, e può aiutare a facilitare la digestione;
  • cetriolo: può svolgere una possibile azione depurativa, diuretica e disintossicante, ottimo per aiutare a migliorare l’aspetto della pelle;
  • spinaci: ricchi di sali minerali, possono aiutare a contrastare la degenerazione ossea, e sono ideali come spuntino grazie alla loro possibile azione energetica e spezza fame.

A questi ingredienti si possono anche aggiungere pesche, albicocche, prugne, more, fragole e altra frutta o verdura, un pizzico di zenzero, una spolverata di cannella per la frutta e un po’ di ghiaccio in estate.

Assunzione quotidiana consigliata

Il nostro organismo necessita di essere disintossicato e depurato dalle sostanze nocive. Il modo più efficace per portare a termine questo compito, è quello di consumare frutta e verdura. Per questo viene consigliato un consumo giornaliero di fibre pari a 25-30g. Se non siete soliti mangiare frutta e verdura, potete consumare dei frullati che possono essere un valido aiuto per la depurazione oltre che un complemento alla vostra abituale alimentazione.

Nella preparazione dei vostri “smoothies” cercate di includere metà foglie verdi o di verdure e metà frutta. Solitamente, si consiglia di consumare i frullati appena preparati e di non conservarli in frigo per lunghi periodi. L’ideale sarebbe consumarli a colazione, per potere avere una buona dose di energia per affrontare la giornata. Potete, anche, aggiungere altri ingredienti come semi e cereali, ma non sostituite mai la verdura o la frutta.

Vantaggi dei frullati

Perché può essere importante bere dei frullati? I frullati hanno un sapore molto apprezzato sia dai grandi che dai bambini, sono preparati con frutta fresca, verdura, frutta a guscio e cereali. In particolare hanno il vantaggio:

  • di essere divertenti da preparare: un vortice di ingredienti sani e colorati che si trasformano in una creazione anche originale;
  • che possono essere idratanti: dato che contengono elementi nutritivi come il potassio;
  • che essendo consumati in aggiunta alla propria dieta quotidiana, possono aiutare a contrastare l’azione svolta dai radicali liberi, a migliorare le difese immunitarie, a regolare la digestione e a dare energia al corpo;
  • che sono ricchi di fibre;
  • che possono essere consumati a colazione o a merenda, in quanti facili e veloci da preparare;
  • che possono aiutare il processo della digestione, dato che il frullatore polverizza gli ingredienti in particelle più piccole e liquide. Così facendo il corpo può avere una maggiore possibilità di assorbire più nutrienti.

Controindicazioni e possibili effetti indesiderati

I frullati non sembrano avere particolari controindicazioni ma tuttavia è bene non esagerare con il consumo in presenza di:

Attenzione agli ingredienti che utilizzate in caso di intolleranze o possibili reazioni allergiche.

Lascia un commento