Sodio: cos’è, benefici, utilizzi e controindicazioni se basso o alto

Il sodio è un minerale che possiamo trovare in natura nell’acqua dolce, salata, nelle rocce ed è presente anche nel nostro organismo, in quello degli animali e nei vegetali. Il sodio che troviamo negli esseri viventi prende il nome di “sodio organico” e svolge le principali funzioni vitali all’interno del nostro corpo, essenziali per fare crescere e mantenere in buona salute il fisico.

Se presente in quantità eccessive può causare ipertensione, mentre se ne viene rilevata una carenza diminuisce il volume del sangue causando gravi disturbi alla salute. Vediamo nello specifico di cosa si tratta, quali funzioni svolge nell’organismo e quali possono essere gli effetti collaterali dovuti a un sovradosaggio o a un uso errato di prodotti a base di sodio.

Che cos’è e a cosa serve il sodio?

In un organismo adulto il sodio è distribuito tra i liquidi extracellulari, il tessuto osseo, quello connettivo e la cartilagine. Esso svolge delle funzioni molto importanti, in quanto si occupa di mantenere in vita il nostro organismo. Ad esempio:

  • è garante della trasmissione dell’impulso nervoso: ovvero della comunicazione tra le cellule del sistema nervoso e permette il rilassamento del muscolo;
  • insieme al potassio, il sodio favorisce il riassorbimento dell’acqua nei processi renali e interviene anche nell’assimilazione dei sali minerali concentrandoli nelle urine. Il potassio, invece, blocca la ritenzione idrica favorendone l’espulsione. L’equilibrio sodio – potassio è importante per mantenere costante il volume del sangue. Infatti se si introducono pochi liquidi via via che il rene filtra il sangue, il sodio trattiene l’acqua. Viceversa, se si beve molto affinché non aumenti il volume del sangue, occorre espellere l’acqua con le urine;
  • prende parte alla funzione strutturale delle ossa, dei denti, della cartilagine, delle cellule e delle strutture proteiche.

Dosaggio giornaliero consigliato e alimentazione

Il giusto apporto quotidiano di sodio viene facilmente assicurato da una dieta varia e bilanciata, senza la necessità di aggiungere sale alle pietanze. Il sodio è particolarmente abbondante:

  • nei salumi e insaccati;
  • nei cibi cui viene aggiunto per conservarli e dare gustosità;
  • in tutti gli alimenti conservati in salamoia.

I cibi di provenienza animale (latte, carni, pollame e pesce) sono più ricchi di sodio rispetto agli alimenti di origine vegetale (cereali, verdure, ortaggi e frutta).

Il sodio viene introdotto mediante l’alimentazione in maniera continua ed è presente in tutti gli alimenti che solitamente consumiamo, inoltre risulta essere facilmente assorbibile dall’intestino tenue e dal colon.

Le uniche perdite di sodio sono costituite dalle feci, dal sudore e dal muco, ma se si consuma un’alimentazione molto ricca di sodio, queste perdite avvengono in minima percentuale rispetto all’apporto giornaliero (percentuali che variano se si svolgono attività sportive). Durante la gravidanza e nel periodo dell’allattamento non occorre apportare un aumento di sodio nella dieta alimentare.

Funzioni del sodio nel nostro organismo

Il sodio alimentare è perfettamente assorbito dall’ultimo tratto dell’intestino tenue, chiamato ileo. Quello in più viene espulso attraverso le urine, con la sudorazione e le feci.

Il rene svolge la funzione di regolatore del metabolismo del sodio. Quando la quantità di sodio presente nel sangue scende al di sotto del consentito parliamo di iponatremia e iposodemia. Di solito, ciò accade a causa di specifiche disfunzioni endocrine o per abuso di diuretici.

Quando il livello del sodio aumenta siamo in presenza di ipernatriemia. Questa situazione può essere dovuta a un’eccessiva assunzione di sodio oppure legata a esorbitanti perdite di liquidi per diarrea, diabete o grandi quantità di sudore. Inoltre, si generano fenomeni di ipertensione arteriosa che possono trasformarsi in uno scompenso cardiaco.

Proprietà e benefici

Il sodio è utile per la comunicazione delle cellule del sistema nervoso perché favorisce anche la distenzione dei muscoli. Sodio e potassio insieme apportando benefici ai reni, che lavorano affinché il volume del sangue resti costante. Oltre a questo, il sodio svolge funzioni rilevanti per la salute di denti, della cartilagine e delle ossa.

Proprietà terapeutiche

Il sodio è in grado di contrastare i reumatismi e dolori ad essi associati. Basta fare un bagno caldo aggiungendo del bicarbonato di sodio per ottenere degli effetti benefici. Viene anche largamente utilizzato per combattere dolori muscolari e crampi, causati da esercizi fisici che provocano un’eccessiva sudorazione per la perdita di sali minerali che vanno reintegrati.

Proprietà nutrizionali

Il dosaggio giornaliero di sodio è pari a circa 0,5-2 gr. La sua presenza all’interno del nostro organismo è mantenuta stabile dagli ormoni: angiotensina, vasopressina e aldosterone. Questi quantitativi sono presenti già negli alimenti che consumiamo pertanto non occorre aggiungere sale ai vostri piatti.

Proprietà cosmetiche

Il sodio viene utilizzato nella cosmetica soprattutto come ingrediente per i trattamenti dedicati alla pulizia del viso e del corpo.

Controindicazioni: eccesso e carenza di sodio

Un deficit di sodio avviene raramente ed è strettamente legato al consumo di diete povere di sodio, perdite spoporzionate di sudore, ferite ai reni e diarrea cronica; alle volte questi fattori possono presentarsi contemporaneamente. Una pesante carenza di sodio provoca l’alterazione del sistema nervoso, dell’equilibrio acido base e della pressione extra cellulare.

Una sovrabbondanza di sodio provoca un innalzamento della pressione extracellulare con associato nel lungo termine un accumulo di liquidi. Un eccesso di sodio alimentare incide negativamente sull’ipertensione arteriosa e favorisce l’insorgenza dell’osteoporosi. Il rischio dell’insorgenza di queste malattie può aumentare se si assumono cibi che contengono abbondanti quantità di sodio e poco potassio.

Riassumendo, un eccesso di sodio causa:

  • problemi renali;
  • ritenzione idrica;
  • edemi;
  • ipertensione;
  • nausea e convulsioni;
  • stati febbrili;
  • difficoltà respiratorie;
  • malattie cardiovascolari;
  • aumento della glicemia;
  • osteoporosi.

Mentre una carenza di sodio può causare:

  • anoressia;
  • coma;
  • nausea;
  • alterazioni del sistema nervoso;
  • in casi estremi la morte.

Sodio e ipertensione

Come già detto una sovrabbondanza di sodio alimentare soprattutto in coloro che sono sensibili, provoca ipertensione arteriosa. Quest’affermazione è stata oggetto di studi e ricerche di laboratorio che hanno stabilito, che spesso a questa patologia si associa una cattiva alimentazione. Tra i fattori determinanti abbiamo: l’obesità, il diabete, disfunzioni del metabolismo, il consumo di troppi grassi saturi e pochi omega 3, abuso di alcol, fumo, poca assunzione di magnesio e potassio, stress e vita sedentaria.

Fattori di rischio

Eliminare il consumo di sale dall’alimentazione può essere pericoloso specie in chi fa sport. Quando si fanno attività sportive è necessario bere integratori a base di sali minerali per recuperare quelli persi. In particolare, quando la dispersione dei liquidi viene pareggiata con l’assunzione di acqua povera di sodio, il sangue aumenta di volume diluendo ancora di più l’accumulo ematico di sodio. Il risultato finale sarà un’intossicazione da acqua, che può in casi estremi portare alla morte.

Dove si compra il sodio e prezzo

Il sodio può essere acquistato presso farmacie e parafarmacie sotto forma di integratori di sali minerali, in compresse, granuli, bustine e capsule oppure come bevanda anche in negozi specializzati.

Il prezzo varia a seconda della tipologia, della qualità del prodotto ed oscilla dai 16 euro ai 100 euro per confezioni più grandi. Si consiglia sempre di rivolgersi al proprio medico di famiglia prima di procedere all’acquisto, per sottoporsi ai dovuti controlli e stabilire il dosaggio più idoneo al proprio organismo. Evitate assunzioni fai da te. 

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi