Antipiretici: tipologie, modalità di utilizzo, controindicazioni e antipiretici naturali

Gli antipiretici sono dei farmaci che aiutano a ridurre la febbre alta, stimolando meccanismi come la sudorazione. La possibile azione svolta da questi medicinali è direzionata a livello dell’ipotalamo, laddove sono situati i centri nervosi che si occupano della termoregolazione del calore corporeo.

Quando questi meccanismi sono alterati dalla febbre, gli antipiretici possono aiutare a stabilizzare la temperatura svolgendo anche una possibile azione analgesica. Andiamo a vedere quali sono le caratteristiche di questi farmaci, che tipo di effetti collaterali e controindicazioni possono avere e quali sono i rimedi naturali che possono essere utilizzati insieme agli antipiretici.

Cosa sono gli antipiretici?

I farmaci chiamati antipiretici sono delle medicine che aiutano a ridurre la temperatura elevata in presenza di febbre. Questi comprendono:

  • il paracetamolo: un principio attivo molto conosciuto e indicato in caso di febbre, stati influenzali, malattie esantematiche come morbillo, rosolia e varicella ma anche per problemi respiratori. Insieme all’effetto antipiretico può svolgere un’attività antidolorifica utile in caso di mal di testa, dolori mestruali e nevralgie. Solitamente è ben tollerato rispetto altri antinfiammatori in commercio, a livello gastrico e quindi consigliato anche per i bambini. Deve essere comunque utilizzato su indicazione medica e con cautela perché può causare gravi danni epatici;
  • l’ibuprofene: un principio attivo che può svolgere un’azione analgesica e antifebbre, oltre che antinfiammatoria leggera. Rispetto il paracetamolo, però, può presentare qualche controindicazione a livello respiratorio e gastrico. I farmaci a base di questo principio attivo non devono mai essere assunti a stomaco vuoto.

I farmaci antipiretici privi di paracetamolo, invece, includono:

  • farmaci a base di cortisone come il betametasone e il desametasone;
  • FANS: ovvero “farmaci antinfiammatori non steroidei” come Ibuprofene, Nimesulide, Ketoprofene, Flurbiprofene e acido niflumico. A differenza del paracetamolo, questi principi attivi possono svolgere un’azione a livello sistemico e quindi oltre ad essere utilizzati come antipiretici sono anche usati come antinfiammatori. Il loro utilizzo può provocare disturbi come sanguinamenti e ulcere;
  • acido acetilsalicilico: è un principio attivo che viene consigliato in presenza di influenza, sintomi da raffreddamento ma anche in caso di mal di testa, di denti, nevralgie, dolori mestruali, dolori reumatici e muscolari. Come gli altri FANS, non va utilizzato se si assumono farmaci anticoagulanti o se si hanno problemi di coagulazione, di ipertiroidismo, prima dei 14 anni per il rischio di sviluppare una malattia neurologica molto grave.

A cosa servono?

Gli antipiretici sono dei principi attivi che sembrano essere in grado di contrastare l’innalzamento della temperatura corporea in caso di febbre. La temperatura si aggira intorno ai 35-37° e quando aumenta si parla di febbre. Questo meccanismo di difesa viene attivato dal nostro organismo sotto forma di diversi stati di patologie che possono essere infezioni o flogosi.

L’eccessivo aumento della temperatura può provocare dei danni all’organismo e per questo motivo quando si superano i 38° viene consigliata la somministrazione di questi farmaci. Gli antipiretici su indicazione del pediatra possono essere somministrati ai bambini. I più consigliati sono l’ibuprofene e il paracetamolo. Solitamente la formulazione scelta è quella in supposta, questo perché in età pediatrica i vasi capillari della zona anale favoriscono un rapido assorbimento del farmaco.

Modalità di utilizzo

L’assunzione degli antipiretici è consigliata quando vengono superate le normali temperature corporee. Spesso però si abusa di questi farmaci o si assumono anche per sintomi diversi, dimenticando che la febbre è un meccanismo di difesa del nostro organismo che ha come scopo quello di combattere le infezioni, stimolando le nostre difese immunitarie. Per questo motivo è sempre importante chiedere il parere di un medico prima di assumere gli antipiretici, al fine di valutarne l’effettiva necessità.

La prima soluzione per aiutare ad abbassare la febbre alta, e anche la più efficace, è quella di assumere dei farmaci. In questo caso, vengono suggeriti gli antipiretici acquistabili solitamente in farmacia oppure in parafarmacia, senza ricetta medica. Al di là di questi farmaci è sempre opportuno seguire delle regole base, come:

  • idratazione: è necessario idratarsi in modo adeguato, per reintrodurre i liquidi persi ed evitare la disidratazione. Prestate attenzione ai livelli di idratazione osservando le mucose orali e la quantità di urina emessa;
  • abbigliamento: meglio utilizzare abiti che siano traspiranti e di cotone che impediscano al calore di essere accumulato;
  • spugnature: sulle tempie e sui polsi in modo da tenerli sempre freschi con panni bagnati. Si consiglia anche di utilizzare acqua e aceto frizionandola sui piedi e sulle caviglie, aiutandovi con un asciugamano imbevuto.

Controindicazioni e possibili effetti collaterali

Gli antipiretici possono presentare degli effetti collaterali che cambiano a seconda del tipo di farmaco somministrato, del dosaggio e del quadro clinico del paziente. Il paracetamolo non sembra presentare particolari controindicazioni tranne che in caso di intolleranza al principio attivo, di gravi anemie o insufficienza epato-cellulare. Gli effetti collaterali più frequenti possono essere:

Nel caso dell’acido acetilsalicilico si sconsiglia di non somministrarlo al di sotto dei 14 anni, tranne su indicazione medica, ed è sconsigliato in caso di ipersensibilità ai salicilati o ai FANS. Tra gli effetti indesiderati più comuni ci sono:

  • gastrite, nausea, vomito, reflusso, ulcera peptica;
  • acufeni, vertigini e ronzii;
  • eritema e orticaria;
  • tachicardia.

L’assunzione di ibuprofene può portare dei disturbi di vario tipo e intensità. In particolare:

  • flatulenza, dispepsia, ulcera peptica;
  • asma;
  • porpora;
  • sonnolenza e capogiri;
  • palpitazioni.

Gli antinfiammatori non steroidei possono invece, provocare:

  • palpitazioni o tachicardia;
  • aumento della pressione arteriosa;
  • vertigini;
  • assopimento;
  • difficoltà di concentrazione;
  • eruzioni cutanee;
  • ulcera peptica o gastrica, emorragie intestinali e infiammazione dell’intestino.

Antipiretici naturali

Per aiutare il nostro organismo ad abbassare la febbre insieme ai farmaci, prescritti dal medico si può ricorrere a degli antipiretici naturali. I più consigliati sono:

  • achillea millefoglie: un rimedio naturale conosciuto fin dai tempi antichi che può aiutare a ridurre le temperature elevate ma anche a eliminare virus e batteri. Può essere assunto sotto forma di decotto con sambuco, menta e achillea;
  • rosmarino: un’erba aromatica che può essere utilizzata come decotto lasciato bollire in acqua per una decina di minuti. Se ne possono consumare fino a due tazze al giorno, anche zuccherate. Ricordate di evitarne l’assunzione se si soffre di pressione alta;
  • echinacea: un possibile valido aiuto per il nostro sistema immunitario, in quanto può aiutare a combattere le infezioni e le infiammazioni che possono provocare la febbre. Si consiglia di assumere la tintura madre, dalle 30 alle 50 gocce, due o tre volte al giorno chiedendo il parere di un esperto;
  • aglio: che può aiutare a disinfettare naso e gola. Si può utilizzare mescolandolo con del latte zuccherato o con il miele. In alternativa si può consumare uno spicchio crudo mattina e sera;
  • argilla: due bicchieri di argilla verde ventilata da versare in una pentola con due bicchieri d’acqua. Lasciare che il composto raggiunga una densità simile a quella della cioccolata. A questo punto, il composto va posizionato sull’addome per 30 minuti, proteggendovi con un semplice foglio di carta e ripetuto fino a 2 o 3 volte al giorno;
  • zenzero: può aiutare a stimolare il sistema immunitario grazie alle sue possibili proprietà antivirali, antitossiche e antifungine. Inoltre, può aiutare a stimolare la sudorazione e a ridurre la febbre. Il consiglio è quello di consumarlo più volte al giorno, crudo;
  • basilico: da fare bollire in acqua, e bere la soluzione ottenuta dalle foglie, un paio di volte al giorno. Si può addolcire la tisana con il miele.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi