Policosanolo: cos’è, benefici, come si usa e controindicazioni

Dalla canna da zucchero, o meglio dalla sua cera, viene estratta una sostanza che ha un grande beneficio per il nostro organismo. Si tratta del policosanolo, ovvero un principio attivo che oggi viene largamente utilizzato come ingrediente per la realizzazione di integratori indicati per il trattamento contro i livelli elevati di colesterolo e trigliceridi, nella medicina tradizionale. Questo principio attivo agisce direttamente diminuendo i livelli, regolando così la sintesi di colesterolo e trigliceridi nel sangue.

Nonostante il grande beneficio che se ne ricava, solitamente viene consigliato a pazienti che non sono a rischio cardiovascolare. Tutt’oggi ancora questo principio attivo è oggetto di studio, per capirne l’efficacia reale sul nostro organismo. Scopriamo di cosa si tratta, quali benefici apporta alla nostra salute e che tipo di controindicazioni o effetti collaterali può manifestare.

Che cosa sono i policosanoli?

Come abbiamo anticipato, si tratta di una miscela ricavata dalla canna da zucchero, la cui funzione principale è quella di prevenire coagulazioni di sangue e il conseguente ispessimento delle pareti vascolari. Sono contenuti in vegetali come avocado, erba medica, pianta del cotone e in molte foglie lucide ma anche nel tè verde e nel riso.

Il compito principale di questa sostanza, è quello di aiutare nella riduzione dell’aggregazione delle piastrine, dell’accumulo delle cellule adipose, agendo direttamente sul controllo dei livelli di colesterolo nel sangue. Per tali ragioni, viene utilizzata per la realizzazione di integratori e farmaci in capsule e pillole, prescritti dai medici in casi di elevati livelli di colesterolo e trigliceridi, in pazienti che non sono soggetti a problemi cardiaci.

Principali funzioni e benefici

I policosanoli aiutano a mantenere in salute il nostro organismo, svolgendo un’azione antiaggregante di coaguli di sangue e piastrine. Così facendo:

  • evitano la formazione delle trombosi nei vasi sanguigni;
  • riducono i livelli di colesterolo cattivo nel sangue in favore dell’aumento di quello buono;
  • sono utili a contrastare l’azione svolta dai radicali liberi e l’ossidazione;
  • svolgono un’azione positiva sul sistema cardio-vascolare;
  • aiutano a prevenire malattie a danno del cuore e dei vasi sanguigni come infarto, ischemie, aterosclerosi.

Ricerche condotte sull’utilizzo

Policosanoli e sport

Nel campo della medicina i benefici dei policosanoli sono abbastanza notevoli e in parte ancora oggi sono oggetto di studio, specie per quel che riguarda l’azione svolta contro alopecia e calvizia. In campo sportivo, invece, la loro efficacia ancora non è stata dimostrata. 

Molti produttori di integratori a base di questo principio attivo, hanno posto la loro attenzione sul fatto che si tratti di sostanze naturali e quindi come viene comunemente pensato, ciò che ha origine naturale equivale a un prodotto buono-efficace. Alcuni a tal proposito sostengono che abbiano la capacità di favorire la produzione dell’energia cellulare, aumentando i livelli di ossigeno durante un’attività fisica.

Non è ancora però chiaro come questi prodotti debbano essere assunti, o meglio in che quantità per potere dare questi presunti benefici a livello sportivo.

Policosanoli e stress

Questa sostanza estratta come abbiamo detto dalla cera della canna da zucchero, ma contenuta anche in altri alimenti quali crusca di riso, cere vegetali e germe di grano, sembrerebbe essere in grado oltre alle sue proprietà a favore del colesterolo buono, secondo una ricerca condotta in Giappone (su animali da laboratorio, che non ha ancora un riscontro scientifico), anche di combattere l’insonnia causata da stress.

Questa notizia, sicuramente verrà apprezzata da tutti coloro che hanno problemi nel conciliare il sonno, ma è bene non trarre conclusioni affrettate, in quanto occorre prima comprovare tale notizia anche sull’uomo.

L’insonnia è un problema che affligge molte persone, e la mancanza di sonno porta diversi problemi al nostro organismo, metabolismo, sistema cardio-vascolare e sul nostro umore. Stress e le preoccupazioni, spesso sono la causa della mancanza di sonno, e proprio in Giappone stanno mettendo a punto un modo per riuscire a combattere l’insonnia con i policosanoli.

Non si tratterebbe di un farmaco o di un composto naturale, ma bensì del costituente dell’estratto crudo dei policosanoli, ovvero: l’octacosanolo. Questo gruppo di ricercatori dell’Università di Tsukuba, ha studiato gli effetti nell’insonnia da stress. Lo studio che è poi stato pubblicato su una rivista scientifica, è stato condotto su dei topi da laboratorio leggermente stressati a cui è stato somministrato l’octacosanolo. Dopo la somministrazione si è potuto osservare come la concentrazione del marcatore della stress si sia ridotta, inducendo il sonno agli animali, paragonabile a quello fisiologico.

Gli stessi ricercatori hanno notato come l’assunzione di questa sostanza in animali normali non abbia influenzato la normale qualità del sonno. Al termine dello studio, i risultati dimostrano che l’octacosanolo è un composto attivo in grado di ridurre lo stress, aumentare la qualità e durata del sonno e quindi potenzialmente utilizzabile nel trattamento di insonnia causata da stress.

Controindicazioni e possibili effetti collaterali

Solitamente il nostro organismo tollera abbastanza bene l’assunzione di policosanoli, ma può in alcuni casi provocare degli effetti collaterali come: mal di testa, problemi intestinali, insonnia, perdita di peso, eruzioni cutanee, irritabilità, vertigini, mal di stomaco e aumento dell’appetito. In caso si verifichino queste controindicazioni si consiglia di sospenderne il consumo e di consultare un medico.

Essendo ancora oggi oggetto di studio, e in tanti casi non ha ancora un vero e proprio riscontro scientifico, si consiglia di evitare la somministrazione:

  • in gravidanza;
  • a bambini affetti da malattia genetica che causa un difetto nella coagulazione del sangue;
  • durante l’allattamento per possibili problemi sia sulla madre che al neonato;
  • a persone allergiche alla cera, alle patate e alla canna da zucchero;
  • a persone con disturbi della coagulazione, in quanto potrebbe aumentarne il sanguinamento.

Dove acquistare il policosanolo? Prezzo

Gli integratori a base di policosanolo sono acquistabili in farmacia, para-farmacia, erboristeria e sui siti online, altrimenti lo potete trovare all’interno della canna da zucchero, nel tè verde, nel riso, tutti alimenti acquistabili nei negozi specializzati nella vendita di prodotti biologici e supermercati. Il costo varia a seconda della tipologia, ma in genere oscilla dai 5 euro ai 40 euro. 

Prima di procedere all’acquisto degli integratori a base di questa sostanza si consiglia di chiedere un parere medico o di un erborista, per evitare di incorrere in possibili effetti collaterali o controindicazioni, specialmente quando si è affetti da patologie oppure se si stanno seguendo particolari terapie farmacologiche. La sostanza essendo ancora oggetto di studio da parte di ricercatori e studiosi, non dà garanzia di efficacia e potrebbe interferire con l’assunzione di altri integratori o farmaci. Pertanto vi consigliamo di evitare la somministrazione fai da te.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi