Metionina: cos’è, come si assume e controindicazioni

La metionina è un amminoacido che il nostro corpo non è in grado di sintetizzare ed è coinvolta nella produzione di melatonina. Molto ricca di zolfo è importante per la produzione della cartilagine delle articolazioni. In situazioni di carenza da zolfo ecco che possono sorgere problemi, se in aggiunta si soffre anche di artrite reumatoide.

In commercio viene venduta sotto forma di integratori alimentari per aiutare a contrastare la caduta dei capelli, la fragilità delle unghie e la malnutrizione, ma la si può trovare anche in polvere o capsule. Scopriamo cos’è, a cosa serve, se funziona davvero per perdere peso e quali possono essere le controindicazioni e gli effetti collaterali prodotti da un sovradosaggio del principio attivo.

Che cos’è la metionina?

La metionina è un amminoacido, contenuta in molti alimenti come uova, carne, pesce, semi e frutta secca, cereali interi. Come qualsiasi amminoacido, anche la metionina fa parte del processo della sintesi proteica ed è contenuta nelle proteine dei tessuti e degli organi del nostro corpo. Una delle funzioni è quella di aiutare a stimolare e attivare la sintesi proteica e si occupa di fare sì che le cellule funzionino correttamente insieme a tutto l’organismo.

La metionina contiene zolfo che aiuta a bloccare l’azione dei metalli pesanti, estremamente pericolosi per l’organismo e di svolgere una funzione antiossidante, limitando i danni provocati dai radicali liberi.

Attenzione però: un eccesso di questo principio attivo può provocare seri danni al nostro organismo.

A cosa serve?

La metionina compie funzioni importanti:

  • come amminoacido nella sintesi proteica;
  • può aiutare a stimolare le nuove proteine all’interno delle cellule;
  • può aiutare a svolgere alcune funzioni nel metabolismo;
  • può aiutare a proteggere e disintossicare il nostro organismo;
  • può essere coinvolta nella biosintesi degli ormoni e neurotrasmettitori dell’umore;
  • può essere coinvolta nell’assorbimento di zinco e selenio.

La sua funzione nel nostro organismo è compiuta in vari tessuti come nel cuoio capelluto, che in concomitanza alla cisteina, svolgono un’importante funzione: aiutare a mantenere flessibile e resistente il capello, grazie alla loro capacità di assorbire cheratina, presente anche nelle unghie.

Utilizzi in medicina

La metionina, in medicina, può essere utilizzata come farmaco per:

  • contrastare le infezioni delle vie urinarie croniche;
  • in coloro che soffrono di calcolosi fosfatica;
  • per contrastare l’assunzione di certi farmaci (disintossicante).

I dosaggi consigliati per questo tipo di terapia farmacologica non devono superare le tre somministrazioni giornaliere. L’assunzione va fatta sotto consiglio del medico specialista. Nel caso di malattie di malnutrizione o disturbi legati al fegato (epatiti di tipo tossico e cirrosi epatica in fase iniziale o anemia) può essere somministrata come integratore. Questi però non vanno somministrati in caso di patologie gravi a carico del fegato.

A seguito di un utilizzo prolungato di integratori, può essere consigliato di aggiungere della vitamina B6 e acido folico. La metionina può provocare degli effetti collaterali e può anche interagire con diversi farmaci, aumentandone o diminuendone gli effetti. Proprio per queste ragioni, oltre a essere utilizzato come ingrediente all’interno degli integratori, viene anche inserito nelle formulazioni farmacologiche che è sempre opportuno assumere su indicazione medica.

La metionina viene anche utilizzata in ambito veterinario, come ingrediente di integratori per i cani. La sua funzione è strettamente collegata alla protezione da danni fisici che gli animali potrebbero subire dopo avere ingerito erba contaminata.

La metionina nell’alimentazione

Tutti i cibi che contengono proteine, consumati apportano un quantitativo di metionina ma ci sono degli alimenti che ne sono particolarmente ricchi. Questi sono le uova, la carne, il pesce, i cereali, i semi di sesamo. Le proteine vegetali (frutta e verdura) e molti legumi, invece contengono quantità inferiori di metionina. Affinché questa sostanza possa avere un maggiore effetto benefico sull’organismo va sempre affiancata alla cistina, quindi assumete cibi che contengano entrambi gli amminoacidi.

Proprietà ed effetti benefici

La metionina oltre a svolgere un ruolo importante all’interno del nostro organismo, possiede delle proprietà che sembrano essere in grado di rilasciare effetti benefici al nostro organismo. In particolare:

  • può aiutare a contrastare alcune allergie;
  • può aiutare a combattere l’asma;
  • può aiutare a contrastare i sintomi psichiatrici ovvero depressione e schizofrenia;
  • può aiutare a effettuare la depurazione dell’organismo dalle molecole di paracetamolo in eccesso, dovute a un sovradosaggio di questa sostanza.

Cosa comporta una carenza di metionina sull’organismo?

Una carenza di metionina può provocare una serie di sintomi tra cui:

  • depressione e senso di stanchezza perenne;
  • cataratta;
  • edemi di vario genere;
  • perdita e alterazioni del tessuto adiposo;
  • interruzione della fase di sviluppo nei bambini.

Dosaggio e assunzione giornaliera consigliata

In caso di carenze causate da patologie o diete vegetariane e vegane, in commercio si possono acquistare integratori alimentari a base di metionina, disponibili in compresse che vanno assunte una sola volta al giorno a distanza dai pasti principali.

Gli anziani hanno spesso un basso apporto di metionina e secondo alcune fonti sembrerebbe che potrebbero essere necessari consumi maggiori che non devono superare i 3 grammi al giorno. Si consiglia sempre di chiedere il parere del medico prima di procedere all’acquisto e di evitare all’assunzione fai da te.

Controindicazioni e possibili effetti collaterali

La metionina essendo importante per la digestione e il metabolismo, è necessario quando la si assume fare molta attenzione al regime alimentare. È bene non esagerare nel consumo di determinati alimenti che la contengono, poiché un consumo eccessivo di questa sostanza, soprattutto come integratore, può provocare l’insorgenza di numerose malattie cardiovascolari, essere tossica e creare acidità nel sangue.

La metionina al suo interno contiene zolfo che si trasforma in acido solforico, e il nostro corpo affinché elimini questa acidità, rilascia calcio dalle ossa. Esistono pazienti che dopo avere assunto metionina hanno lamentato disturbi come nausea, diarrea e vomito. Altri invece sottoposti a terapie farmacologie hanno riscontrato interazioni con le medicine che stavano assumendo. L’assunzione eccessiva causa problemi al fegato e può anche provocare alterazioni e danni cerebrali.

Categorie a rischio

I pazienti che devono astenersi dall’uso di integratori a base di metionina sono coloro che soffrono di acidosi, una proteina che può alterare i livelli di acidità nel corpo con conseguenze gravi. Devono porre particolare attenzione coloro che sono affetti da malattie legate al fegato come cirrosi epatica o epatiti severe. 

Le donne in gravidanza o in allattamento non devono assolutamente intraprendere alcuna terapia a base di metionina perché potrebbe causare seri danni sul feto o neonato.

Dove si può acquistare la metionina? Prezzo

La metionina la si può trovare in commercio come principio attivo di integratori alimentari, in capsule o compresse, e in polvere, acquistabile presso farmacie e negozi online. Il prezzo varia a seconda della tipologia e della casa farmaceutica, da un minimo di 10 euro a un massimo di 50 euro. 

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi