Estratto di Cherimoya: proprietà, caratteristiche, benefici e controindicazioni

L’estratto di cherimoya si ricava da un frutto esotico particolarmente profumato, originario della pianta Annona cherimola, presente sul territorio americano. Le sue proprietà vantano diversi benefici in direzione dell’organismo umano e l’estratto di cherimoya si trova spesso presente all’interno delle formulazioni interne degli integratori ad azione dimagrante.

Nonostante si dimostri essere un alleato per la salute, l’estratto di cherimoya presenta anche qualche controindicazione che è importante conoscere. Andiamo quindi a scoprire insieme tutte le caratteristiche dell’estratto di cherimoya, i benefici e gli effetti collaterali.

Estratto di cherimoya: caratteristiche e proprietà

L’estratto di cherimoya è originario del territorio americano e si riceva dal frutto della pianta Annona cherimola. In Italia la sua reperibilità si dimostra piuttosto rara, fatta eccezione per le formulazioni interne degli integratori dimagranti. L’estratto di cherimoya contiene un ricco contenuto di vitamine, in particolare la vitamina C, ma anche sali minerali e zuccheri.

La presenza del polifenolo annonacina conferisce all’estratto di cherimoya importanti proprietà antiossidanti, ma anche anti-tumorali a prevenzione delle patologie. L’estratto di cherimoya è ricco di fibre e possiede un effetto naturalmente lassativo, migliora la digestione e regola i livelli di colesterolo LDL nel sangue.

Come assumere l’estratto di cherimoya e il frutto

L’estratto di cherimoya viene assunto sotto forma di integratori alimentari specifici, la maggior parte dei quali ad azione dimagrante. Il frutto di cherimoya deve essere aperto a metà per gustare la polpa che si trova all’interno, singolarmente oppure in aggiunta alle macedonie.

L’estratto di cherimoya: controindicazioni

Le uniche controindicazioni dell’estratto di cherimoya si collegano all’ipersensibilità e all’allergia al frutto. I semi di cherimoya devono essere esclusi per via delle sue proprietà non commestibili e velenose se schiacciati e ingeriti. I semi fermentati di cherimoya vengono sfruttati anche come insetticida in diversi paesi.

Lascia un commento