Carrube: proprietà, benefici, controindicazioni, acquisto e prezzo

Le carrube sono il frutto di un albero sempreverde, ricche di fibre e proprietà che sembrano essere in grado di rilasciare effetti benefici sul nostro organismo.

In particolare, possiedono proprietà utili per coloro che seguono diete per perdere peso, e svolgono sia una possibile azione astringente che antiemorragica. Sono utilizzate in cucina come sostituto del cioccolato, per chi ne è allergico.

I baccelli di questo frutto sono di colore marrone scuro e somigliano a quelli del fagiolo. Contengono dei piccoli semi duri che possono essere macinati per ricavarne la farina. Questa è in grado di assorbire notevoli quantità di acqua e per questo motivo viene utilizzata per la preparazione di dolci e come addensante alimentare.

Dalla lavorazione del frutto si può ricavare la polpa, zuccherata e pastosa, così come la farina di polpa, da utilizzare in sostituzione del cioccolato o del cacao. Queste alternative essendo prive di sostanze eccitanti possono essere consigliate a coloro che soffrono di allergie o ipersensibilità a sostanze come la caffeina. Andiamo a vedere nello specifico quali sono le proprietà e gli effetti benefici di questo frutto, ma anche quali tipi di controindicazioni o effetti collaterali possono scaturire.

Descrizione della pianta

Il carrubo è una pianta che cresce spontanea nel Mediterraneo che via via si è diffusa in particolar modo nelle regioni meridionali, quali Sicilia e Sardegna, ma è possibile anche trovare alcuni esemplari che possono raggiungere i 500 anni di età, in Toscana.

I frutti di questo albero sempreverde hanno una forma che ricorda quella del baccello del fagiolo, nonostante le dimensioni più grandi e il colore marrone scuro.

Valori nutrizionali

Le carrube sono ricche di minerali, vitamine del gruppo B, C, E, K, e folato. Si tratta di un alimento con un grande potere saziante grazie al suo contenuto di fibre, per questo ideale da consumare all’interno di diete per perdere peso, da chi soffre di obesità o è in sovrappeso.

Ricche di tutti quei nutrienti che servono per evitare carenze di vitamine o minerali, sono prive di glutine e possono essere consumate da coloro che soffrono di celiachia. La farina che si ottiene dalla macinazione delle carrube, è un buon rimedio naturale per aiutare a contrastare la dissenteria, in quanto possiede la capacità di assorbire l’acqua mentre le carrube possono avere una possibile azione lassativa.

Il sapore è simile a quello del cacao, con il vantaggio che contiene meno calorie ed è più nutriente. Essendo priva di caffeina è ideale per preparare dolci ed essere consumate da chi è allergico al cioccolato. Questo alimento viene consigliato a coloro che soffrono di: diarrea, gastrite, infezioni gastrointestinali, acidità e colon irritabile. 

Proprietà ed effetti benefici

Come abbiamo anticipato, il consumo di carrube può avere effetti benefici sul nostro organismo, in particolare:

  • i polifenoli contenuti nelle carrube aiutano a impedire la diffusione delle cellule malate e quindi possono essere considerate un valido supporto in caso di patologie tumorali;
  • l’elevato contenuto di fibre e il basso apporto glicemico, le rende ideali per coloro che soffrono di diabete;
  • possono essere consigliate in caso di diarrea, grazie anche alla capacità di ridurre la proliferazione dei batteri. Inoltre possono essere un valido aiuto per lo stomaco, in quanto aiutano ad attenuare i sintomi del colon irritabile e del reflusso;
  • possono aiutare ad abbassare i livelli del colesterolo cattivo e per questo motivo sono consigliate a coloro che soffrono di obesità e hanno problemi cardiovascolari associati;
  • possono essere consumate da coloro che sono intolleranti al glutine;
  • possono essere un valido supporto per la salute dell’intestino, specialmente la farina. La carruba intera invece ha un potere lassativo, mentre le tisane vengono utilizzate in caso di gastrite per l’azione anti-acida;
  • possono essere consumate da coloro che sono sono intolleranti al cioccolato o che non possono consumarlo per motivi di salute;
  • per l’elevato contenuto di fibre, possiede un potere saziante che le rende perfette per essere consumate all’interno di diete dimagranti;
  • grazie alla buona percentuale di calcio e fosforo, il consumo è indicato per aiutare a contrastare l’osteoporosi;
  • grazie alle possibili proprietà antiossidanti, possono aiutare a disintossicare il fegato.

Modalità d’uso

Le carrube vengono utilizzate sia nell’alimentazione umana che in quella animale. Le parti utilizzate sono i frutti contenuti nei baccelli e la farina che se ne ricava. I frutti possono essere essiccati e poi macinati per utilizzarne la polvere in caso di colesterolo alto e diabete. La gomma invece, viene spesso utilizzata come rimedio naturale in presenza di reflusso gastroesofageo. 

I semi di carrube possono essere cotti al forno per la preparazione di snack croccanti, la farina invece è utilizzata come addensante per zuppe o salse, paste fatte in casa. Lo sciroppo viene utilizzato specialmente nei paesi del sud per aromatizzare piatti e bevande, ma anche in cosmetica per le creme idratanti.

Le proprietà idratanti ottime per la pelle, fanno sì che questa sia rivestita da uno scudo, che gradualmente rilascia l’acqua assorbita. Le carrube, inoltre possono aiutare a proteggere la cute dall’azione degli agenti esterni grazie al loro potere antiossidante e a rigenerare piccole lesioni dovute dalla secchezza. Alcuni utilizzano le foglie del carrubo per preparare infusi e tisane. Si consiglia di tenere al riparo da luce e umidità sia i semi che la farina, dentro dei barattoli ermetici.

Controindicazioni e possibili effetti collaterali

Le carrube non sembrano avere particolari controindicazioni se consumate nelle dosi consentite. Potrebbero, però, aumentare l’effetto dei farmaci utilizzati in caso di colesterolo alto e può anche alterare i livelli di insulina. Per questo è sempre opportuno rivolgersi al proprio medico prima di consumare quantità eccessive di carrube.

Le reazioni allergiche sembrano essere piuttosto rare, ma in caso di eruzioni cutanee, specialmente quando sussiste è bene informare il medico, così come nel caso in cui si soffra di insufficienza renale e anemia. Il consumo è controindicato:

  • nei neonati sotto peso;
  • nei pazienti che soffrono di problemi metabolici o che sono allergici a uno dei componenti;
  • in caso di allergia alle noci o altri legumi, in quanto si possono sviluppare reazioni come raffreddore da fieno ed eruzioni cutanee.

In caso di consumo eccessivo possono manifestarsi effetti collaterali quali: disturbi intestinali, nausea, spasmi e diarrea. Si possono consumare in gravidanza e durante l’allattamento, in quanto ad oggi non sembrano esserci tossicità legate al consumo.

Dove acquistare le carrube? Prezzo

Nelle regioni del sud, come in Sicilia, è possibile acquistare i prodotti a base di carruba direttamente dai coltivatori o durante le feste di paese. In generale comunque si possono acquistare farine e prodotti dolciari presso negozi specializzati nella vendita di prodotti biologici, para-farmacie, in farmacia, erboristerie ma anche nei supermercati più forniti.

Il costo delle carrube si aggira intorno agli 8 euro al kg, la farina invece può raggiungere anche i 7 euro se biologica (in confezioni da 500 g), lo sciroppo non supera i 5 euro.  Per quanto riguarda i prodotti di cosmetica invece il costo può superare anche i 50 euro per creme idratanti di qualità, acquistabili presso negozi di cosmetica oppure online.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi