Bietole: proprietà ed effetti benefici, modalità di utilizzo e controindicazioni

Le bietole conosciute anche come “biete” sono un ortaggio che può avere delle possibili proprietà depurative, disintossicanti e antiossidanti. Il consumo di questi ortaggi sembra essere in grado di rilasciare dei notevoli effetti benefici sull’organismo, grazie alla grande varietà di vitamine e sali minerali contenuti al suo interno.

Il consumo in gravidanza, può essere benefico sia per la mamma che per il feto, pervia dell’acido folico di cui sono ricche. Possono essere consumate dagli sportivi perché ricche di sali minerali tra cui rame, potassio, magnesio, calcio e soprattutto il ferroIn cucina, le “bietole erbette” si preparano lessate o cotte al vapore, condite con un po’ di olio extravergine di oliva, sale e limone, invece le “bietole a coste” sono ottime anche gratinate al forno con formaggio e besciamella. Andiamo a vedere come possono essere utilizzate, quali sono le principali proprietà e possibili effetti benefici e che tipo di controindicazioni possono avere.

Proprietà e possibili effetti benefici

Le bietole sono degli ortaggi abbastanza digeribili con un possibile potere saziante e che contengono numerose proprietà che le rendono un perfetto possibile alleato della salute. In particolare:

  • possono avere proprietà antiossidanti: in quanto contengono al loro interno un elevato numero di vitamine del gruppo B2, B3, C, K, e A. Le percentuali sono molto elevate e ciò consente di svolgere una possibile azione di protezione dai radicali liberi. Alle vitamine si combinano anche sostanze vegetali come la luteina, la clorofilla e altri vari carotenoidi. La presenza della luteina può essere utile per aiutare a proteggere dalla formazione di accumuli di colesterolo, dall’insorgenza dei problemi degenerativi a carico della retina, mentre la presenza della clorofilla può aiutare nella digestione e a contrastare malattie cronico-degenerative tra cui quelle neoplastiche;
  • in gravidanza quando la necessità di ferro raddoppia è possibile che si manifestino problemi di anemia che portano sintomi come tachicardia, pallore, stanchezza, scarsa capacità di concentrazione. Il ferro contenuto nelle bietole può essere assorbito con facilità grazie al buon contenuto di vitamina C;
  • possono aiutare a contrastare problemi del feto e a favorire un corretto sviluppo del sistema nervoso centrale grazie alla presenza dell’acido folico. Questo è un coenzima che deve essere assunto mediante l’alimentazione, in quanto il nostro organismo non è in grado di produrlo autonomamente. Tra l’altro l’acido folico è utile per contribuire ad aumentare la capacità di assunzione del ferro;
  • può essere un utile coadiuvante di regimi alimentari a basso apporto calorico. Sono ricche di fibre e oltre a dare un possibile senso di sazietà, possono aiutare a favorire un regolare transito del cibo e un corretto funzionamento intestinale, risultando talvolta anche leggermente lassative. Le fibre sono in grado di controllare l’assorbimento degli zuccheri e l’assimilazione dei grassi per questo sono consigliate a coloro che seguono un regime alimentare ipocalorico e a chi deve tenere sotto controllo la glicemia;
  • possono essere utili per aiutare a contrastare l’osteoporosi e per aiutare a rinforzare ossa e denti;
  • possono aiutare a potenziare le attività cerebrali grazie alla vitamina K e a mantenere in salute il sistema nervoso;
  • possono aiutare a contrastare l’ipertensione grazie al basso contenuto di sodio e alla presenza di potassio;
  • possono aiutare a contrastare le cistiti, per via delle possibili proprietà diuretiche e depurative, indicate nei casi di malattie renali.

Modalità di utilizzo

In cucina

Per pulire le bietole erbette è necessario rimuovere le foglie del gambo e lavarle in acqua per togliere tutte le impurità. Per le bietole a coste, invece, occorre tagliare la parte sottostante, separare la costa bianca centrale dalla parte verde della foglia e lavare singolarmente le foglie in acqua per rimuovere i residui di terra. Le parti verdi delle foglie si possono sminuzzare in piccoli pezzi. Entrambe le varietà di bietole, “erbetta e a coste”, sono ideali da utilizzare in cucina come ingrediente per la preparazione di:

  • minestroni e minestre;
  • come ripieno nella pasta fresca;
  • nelle omelette;
  • nei secondi a base di carne;
  • nelle torte salate, in sformati e focacce;
  • come contorno si abbinano alle patate lesse, alle uova, alle carni rosse e bianche e sono gustose per accompagnare il pesce (seppie e merluzzo lesso);
  • per insaporire zuppe con l’aggiunta di broccoli, zucche e cipolle.

Il migliore modo per consumare le bietole è crude a insalata, specie la varietà erbetta. Possono essere associate ad altri ortaggi come spinaci, lattuga o valeriana, a qualche carota a pezzetti. Sono ottime accompagnate da rucola, radicchio e altre erbe, condite con aceto balsamico e olio. Il calore rovina le sostanze nutritive ed è quindi preferibile scegliere metodi di cottura a vapore o la lessatura in poca acqua, per non più di 5-7 minuti.

Si possono cuocere in padella, coperte con poca acqua, al microonde oppure come ripieno di torte rustiche, anche al forno. Ricorda che la parte verde delle foglie e le coste hanno tempi di cottura diversi, quindi è consigliato cuocerle separatamente. Al termine della cottura, le bietole possono essere conservate in frigo per alcuni giorni.

Impacchi e decotti

Un utilizzo alternativo delle bietole a quello che comunemente viene fatto in cucina, è la preparazione di impacchi e decotti che possono aiutare a contrastare le infiammazioni. Le foglie lessate, spremute e sminuzzate possono essere applicate su scottature, foruncoli, ascessi ed emorroidi. Si tratta di rimedi naturali che possono essere utilizzati come supporto ai trattamenti farmacologici, e che non devono assolutamente sostituire quanto prescritto dal medico.

Controindicazioni e possibili effetti indesiderati

La bietola può avere un possibile effetto diuretico e potrebbe anche favorire la comparsa di calcoli di calcio. Per questo motivo il consumo delle bietole non è consigliato a coloro che soffrono di problemi renali. Essendo tra gli ortaggi che immagazzinano più nitrati, per l’uomo non sembrano essere pericolosi a meno che questi non si trasformano in nitriti. In fase digestiva, infatti il nostro organismo rilascia delle quantità di vitamina C che servono per proteggere l’apparato gastrico da composti considerati cancerogeni. Questa caratteristica controbilancia la presenza dei nitrati.

Dove acquistare le bietole?

Le bietole sono un ortaggio che si può acquistare in qualsiasi supermercato, al mercato ortofrutticolo e in alternativa presso negozi specializzati nella vendita di prodotti bio. I preparati per fare gli impacchi e decotti possono essere acquistati in erboristeria.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi