Estratto di alga bruna: favorisce la perdita di peso? Cos’è, benefici, utilizzi e controindicazioni

Il Focus è un’alga chiamata comunemente “alga bruna”, che possiede innumerevoli proprietà benefiche per il nostro organismo, prevalentemente utilizzata per via della sua azione coadiuvante nella stimolazione del funzionamento del metabolismo, la perdita di peso e nella lotta all’obesità. Andiamo a vedere nello specifico quali sono gli effetti benefici che sembra essere in grado di rilasciare al nostro organismo, le modalità d’impiego e che tipo di controindicazioni o effetti collaterali può provocare.

Che cos’è l’alga bruna?

Il Focus conosciuto più comunemente come “alga bruna”, è una varietà di alga che vive nelle coste artiche o medio-temperate, la cui forma ricorda quella di una quercia e per questo motivo denominata anche “lingua di fuoco o di serpente”. Le sue proprietà erano già conosciute nell’antica Grecia, quando era usata come antidoto in caso di morsi di serpenti velenosi o per aiutare a contrastare problemi legati alla tiroide.

Nell’Ottocento il medico Duparc, la utilizzò per contrastare la psioriasi e proprio in quel frangente si accorse della sua azione coadiuvante nella lotta al sovrappeso. Grazie all’elevato contenuto di iodio, l’alga sembra può aiutare a stimolare il metabolismo e le funzioni tiroidee. Oggi infatti, viene utilizzata a sostegno del controllo del peso e se ne ricava l’estratto secco molto utile per la preparazione di formulazioni naturali.

Proprietà ed effetti benefici

Il gran numero di proprietà che possiede l’alga bruna, fanno sì che da questa attraverso un processo di lavorazione se ne ricavi un estratto che viene largamente utilizzato come ingrediente per la preparazione di formulazioni naturali e integratori. Per questo motivo, viene spesso consigliato l’utilizzo in concomitanza con le tradizionali terapie farmacologiche, ad azione coadiuvante per:

  • aiutare a favorire la stimolazione del metabolismo;
  • aiutare a favorire la normalizzazione dei livelli di colesterolo;
  • aiutare a favorire la stimolazione delle funzioni tiroidee;
  • aiutare a favorire il miglioramento della cellulite e i ristagni di liquidi se affiancata all’alimentazione corretta e all’attività fisica;
  • aiutare nella lotta alla stitichezza;
  • aiutare a favorire l’assorbimento dell’acido in eccesso presente nello stomaco.

L’alga bruna è un prodotto che viene consigliato anche per coloro che soffrono di diabete, ulcere, per aiutare a proteggere lo stomaco, come anticoagulante e antibatterico, per aiutare a contrastare infiammazioni e l’azione svolta dai radicali liberi

Modalità di utilizzo

L’alga bruna la si può trovare in commercio sotto forma di estratto secco, tintura madre oppure in capsule. Spesso la si trova come ingrediente per la preparazione di prodotti di bellezza indicati in caso di cellulite o da applicare per uso esterno. Nello specifico possiamo utilizzare:

  • l’estratto: può essere assunto sotto forma di capsule, la cui dose consigliata non deve superare quella indicata sulle confezioni e consigliata dal medico, che in genere equivale a non più di una compressa al giorno, da assumere a colazione;
  • tintura madre: che può essere assunta una volta al giorno, preferibilmente la mattina, per un massimo di 30-50 gocce;
  • tisana o decotto: che viene consigliata a coloro che vogliono perdere peso, per aiutare a favorire il drenaggio dei liquidi e per le sue proprietà lassative. In genere si utilizzano 20 g di alga in 200 ml di acqua. Il preparato va lasciato bollire per una decina di minuti e poi una volta raffreddato, va filtrato prima di essere consumato;
  • impacchi: in caso di cellulite, per aiutare a lenire le infiammazioni della pelle favorendo così la guarigione di piccole ferite e la rigenerazione cellulare.

Dosaggio e assunzione giornaliera consigliata

Prima di procedere alla somministrazione dell’alga bruna è bene chiedere sempre un parere di un esperto, che in base alla vostra situazione e ai possibili sintomi che lamentate, sarà in grado di fornirvi le giuste indicazioni da seguire, senza incorrere in possibili effetti collaterali dovuti a sovra dosaggio. Solitamente la dose da assumere giornalmente non supera i 500-600 mg, da assumere a colazione e pranzo, in quanto nelle ore serali può disturbare il sonno. La somministrazione viene consigliata per una durata massima di un mese, al termine del quale occorre fare una sospensione di un mese prima di iniziare un altro ciclo.

L’alga bruna funziona davvero per dimagrire?

L’alga bruna o alga marina, come abbiamo detto è una pianta che cresce nelle zone costiere del Nord Europa e può arrivare fino sulle rive. La scoperta si deve a un medico fitoterapista intorno alla seconda metà dell’Ottocento, quando venne utilizzata per un trattamento sperimentale per cercare di contrastare la psoriasi. Proprio in quel momento si accorse della capacità di stimolare il metabolismo. Grazie a questa scoperta, l’alga bruna venne utilizzata fino ai giorni nostri come ottimo coadiuvante alle cure dimagranti.

In fitoterapia viene utilizzata come ingrediente per la preparazione di prodotti naturali da consumare in associazione a diete dimagranti ma anche come ingrediente all’interno di prodotti di cosmetica come creme, gel, bagnoschiuma ideali per aiutare a contrastare la cellulite. Nella preparazione di questi prodotti, che siano liquidi o in compresse, l’alga può essere associata ad altri estratti di piante che risultano utili per aiutare a combattere la ritenzione idrica come ad esempio: la betulla bianca, l’asparago e la verga d’oro.

L’elevato contenuto di iodio fa sì che l’alga aiuti a stimolare il funzionamento del metabolismo e quindi può essere utile in sostegno alla perdita di peso. Ovviamente, la sola assunzione dell’alga non risulterà miracolosa nella perdita del peso, in quanto occorrerà associare delle opportune diete dimagranti, della sana e costante attività fisica e seguire soprattutto i consigli di uno specialista del settore.  L’estratto di questa pianta oltre ad essere un valido supporto per aiutare a mantenere in funzione il metabolismo, può anche svolgere un’azione emolliente e calmante sull’apparato digestivo e aiutare a contrastare eventuali disturbi in caso di intestino irritabile.

Alga bruna e tiroide

Il punto di forza di questa pianta è l’alto contenuto al suo interno dello iodio che viene assimilato direttamente dal suo habitat naturale: l’acqua marina. Lo iodio aiuta a stimolare il metabolismo e se l’alga viene assunta in concomitanza a una dieta equilibrata può risultare un buon supporto per aiutare a combattere cellulite e sovrappeso, in quanto stimola le funzioni della tiroide.

Quando la tiroide funziona correttamente, è in grado di sintetizzare gli “ormoni iodati”, che aumentano il consumo dell’energia e riducono la sintesi dei grassi. Il funzionamento del metabolismo è pertanto connesso a quello della tiroide e quindi grazie agli stimoli che sembra essere in grado di fornire l’alga bruna, ecco che si può ottenere un buon funzionamento nel nostro organismo. Allo stesso tempo però i prodotti che la contengono non sono consigliati in presenza di ipertiroidismo o di funzionamento alterato della tiroide.

Controindicazioni e possibili effetti collaterali

L’alga bruna non sembra presentare particolari controindicazioni ma se ne sconsiglia il consumo in presenza di disturbi della tiroide. Si consiglia anche di effettuare dei cicli periodici in cui si sospenda l’assunzione del prodotto per un paio di mesi. Nel caso in cui si soffra di ipertensione è opportuno parlarne con il proprio medico. Non va somministrato in gravidanza o allattamento. Un sovra dosaggio può provocare: tremore, tachicardia, diarrea, ipertensione e vomito. Possibili effetti collaterali sono: interazioni con farmaci anticoagulanti e per il diabete, irritabilità, difficoltà ad assorbire il ferro se l’assunzione è prolungata.

Dove acquistare l’alga bruna? Prezzo

L’alga bruna può essere acquistata in erboristeria sotto forma di estratto secco, tintura madre o integratore naturale ma anche in para farmacia, online e nei negozi per prodotti di bellezza sotto forma di creme, gel, bagnoschiuma indicati per la cellulite. Il costo varia a seconda della tipologia e può oscillare dai 15 euro per gli integratori fino ai 100 euro per i prodotti di cosmetica.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi