Iodio: proprietà, benefici, alimentazione e controindicazioni

Lo iodio fa parte dei sali minerali indispensabili per il corretto funzionamento dell’organismo. La sua assunzione si dimostra fondamentale per diverse funzioni vitali e per la regolazione dei processi legati al metabolismo. Andiamo ad approfondire tutte le sue caratteristiche, benefici, alimentazione e controindicazioni all’interno dei paragrafi successivi.

Caratteristiche e descrizione

Lo iodio è un sale minerale e un elemento chimico siglato dalla lettera ‘I’ e dal numero atomico 51. A causa dei vapori irradiati lo iodio assume una colorazione violacea, trovandosi presente all’interno di diversi alimenti come il sale. Lo iodio permette lo svolgimento di diverse funzionalità vitali e apporta molteplici benefici all’organismo.

Proprietà benefiche dello iodio

Lo iodio si trova presente all’interno degli ormoni tiroidei e risulta attivamente impegnato nel mantenimento in salute dell’intero organismo. Corretti livelli di iodio permettono il mantenimento del peso forma, evitando squilibri legati alla magrezza e l’accumulo eccessivo di grassi. Il sale minerale regola la pressione arteriosa, le funzionalità cardiache e la temperatura corporea. 

Lo iodio promuove l’eliminazione delle tossine in eccesso, migliora l’assimilazione di calcio e silicio. Lo iodio mantiene in salute la pelle e ne regola la luminosità, mentre in caso di insufficiente apporto del sale minerale i soggetti si presentano a rischio di sviluppo di patologie e disturbi come il gozzoUn’assunzione eccessiva di iodio si dimostra invece particolarmente dannosa per i soggetti affetti da disturbi renali.

Fabbisogno giornaliero

Lo iodio viene naturalmente prodotto dall’organismo umano in minime quantità. Per questo motivo è importante assumere 150-200 microgrammi del sale minerale al giorno attraverso l’alimentazione. Una parte di iodio viene poi eliminata attraverso le urine.

Iodio e alimentazione

In quali alimenti si trova presente lo iodio? Il sale minerale può essere assunto con le alghe e i pesci marini, aglio, zucchine, bietole, spinaci, fagioli, semi di sesamo, soia, cime di rapa, sale iodato. La sua assunzione è particolarmente importante soprattutto per le donne in stato di gravidanza, mentre eventuali carenze possono essere trattate anche con l’impiego di integratori alimentari specifici.

Effetti collaterali e controindicazioni

Lo iodio presenta effetti collaterali e controindicazioni soprattutto in caso di assunzioni eccessive. Tra i disturbi maggiori possono presentarsi: nausea, dolori addominali, dissenteria, mal di testa, rinorrea, retrogusto metallico in bocca. 

Gli integratori alimentari di iodio possono comportare stati febbricitanti, ingrossamento dei linfonodi. Il sale minerale sotto forma di integratori è sconsigliato in caso di ipersensibilità e allergia. Le controindicazioni comprendono anche gonfiori a livello del tessuto sottocutaneo e nei casi più gravi malattie del sangue rare come la porpora trombotica trombocitopenica.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi