Endorfine: cosa sono, benefici, come funzionano, come stimolarne la produzione

Le endorfine sono dette anche “ormoni della felicità o del benessere”, la cui produzione può essere stimolata mediante il cibo. Questi ormoni prodotti dal cervello, sono coinvolti nel meccanismo di controllo del piacere e del dolore. Scopriamo di cosa si tratta, come funzionano, quali benefici rilasciano nel nostro organismo e come si può stimolare la produzione.

Cosa sono e a cosa servono le endorfine?

Le endorfine sono dei neurotrasmettitori che vengono prodotti dal cervello e rilasciati dalle cellule nervose. Si tratta di sostanze chimiche che vengono sintetizzate nell’ipofisi, nelle ghiandole salivari e in parte dall’apparato digerente.

Prendono il nome anche di “morfine endogene” per le proprietà analgesiche, paragonabili a quelle rilasciate dalla morfina o da altre sostanze a base di oppio. Sono quattro le classi prodotte dall’ipofisi:

  • alfa;
  • beta;
  • gamma;
  • delta.

A queste si aggiungono anche quelle prodotte dal cervello che prendono il nome di: encefaline.

Funzionamento

Le endorfine sono prodotte nell’ipofisi, ovvero nel sistema gastrointestinale che rappresenta il nostro secondo cervello. Sono ormoni proteici che aiutano a mantenere il benessere del nostro corpo, gli stati di felicità, gioia oppure si manifestano in situazioni dolorose come durante il parto, in un evento traumatico o durante il ciclo mestruale. Alti livelli di endorfine sono presenti dopo un rapporto sessuale o attività sportive.

Inoltre, fanno parte dei meccanismi che regolano il ciclo di sonno-veglia, la temperatura, la fame e nei trattamenti medici e non come: agopuntura, tecniche di rilassamento. Essendo degli oppioidi naturali, intervengono anche sull’umore, svolgendo una vera e propria azione di mediazione con la serotonina.

Il rilascio delle endorfine da parte del nostro corpo determina un aumento della soglia di tolleranza del dolore, così come potrebbe avvenire durante terapie alternative ai tradizionali metodi adottati dalla medicina.

La sensazione di benessere generale che avvertiamo quando siamo innamorati, al termine di un rapporto sessuale, quando incontriamo una persona a noi cara, oppure dopo avere praticato dello sport, è generata da un aumento del livello di endorfine. Un’euforia sia fisica che psicologica aiuta a superare ostacoli e a sopportare meglio la fatica.

Proprietà ed effetti benefici

Oltre al comune potere analgesico che aiuta a ridurre la sensazione di dolore, portando all’organismo una sensazione di piacere e di benessere generale. Possiamo individuare i seguenti effetti benefici:

  • possono aiutare a contribuire al recupero fisico in convalescenza;
  • possono aiutare a contribuire alla regolazione dell’umore;
  • possono aiutare a ridurre l’ansia;
  • possono aiutare a sopportare lo stress;
  • possono aiutare a controllare la fame;
  • possono aiutare a regolare il ciclo mestruale;
  • possono aiutare a regolare il sonno;
  • possono aiutare a regolare la temperatura corporea;
  • possono aiutare a contribuire al rilascio di altri ormoni;
  • possono aiutare nella regolazione della funzionalità dell’apparato gastro-intestinale.

Alimenti che contengono endorfine

Gli ormoni della felicità prodotti dal cervello svolgono una duplice azione: potere analgesico ed eccitante che migliora sia l’umore che il benessere generale della persona. Il cibo e lo sport sono in grado di attivare il funzionamento di questi ormoni, motivo per cui mangiare o fare sport mettono di buon umore. Di seguito vi indichiamo quali sono i principali alimenti il cui consumo stimola la produzione di endorfine:

  • cioccolato: contiene una sostanza chiamata “feniletilamina”, presente in dosi elevate nel nostro organismo quando siamo innamorati. Consumare giornalmente piccole dosi di cioccolato fondente, migliorano l’umore e la salute. Bastano solamente 10 g al giorno per contrastare anche gli sbalzi di umore caratteristici nelle donne, durante il ciclo mestruale;
  • frutta secca e uova: il tripofano che si trova nella frutta secca, banane, ananas e uova, stimola la produzione degli ormoni del buon umore. Basta consumare la frutta secca al mattino, in giuste quantità perché contiene molto zucchero, e le uova un paio di volte a settimana;
  • pesce: ricco di omega3, acidi grassi essenziali fondamentali per il metabolismo umano in quanto svolgono una funzione importante nel funzionamento dei neuroni. Il pesce azzurro, salmone e crostacei ne sono molto ricchi;
  • peperoncino: accelera il metabolismo, e allo stesso tempo è uno degli alimenti utili per la produzione di endorfine, in quanto considerato un potente afrodisiaco. Può essere utilizzato per condire i primi piatti o le pietanze, sia sotto forma di olio piccante, che sminuzzato secco o fresco. Non esagerate con il consumo se soffrite di infiammazioni, gastrite e problemi di vario genere allo stomaco;
  • carboidrati: che siano semplici o complessi, sono ottimi alleati degli ormoni del buon umore. Un piatto di pasta condito leggero, fornisce energia ed è ideale se praticate attività sportive. Meglio se consumate pasta integrale per pranzo, in una porzione che può variare dagli 80 ai 100 grammi al giorno. In alternativa potete scegliere anche riso integrale, farro e orzo.

Come stimolare la produzione di endorfine?

Come abbiamo visto finora, la produzione di endorfine ha dei notevoli benefici sia a livello fisico che mentale. Esistono però, vari metodi per aumentarne la produzione, come:

  • fare esercizio fisico: dopo avere praticato dello sport, i livelli di endorfine tendono a salire. La sensazione di benessere che segue una corsa o un allenamento è dovuta proprio a questo aumento di ormoni. A tale proposito sempre più di frequente si sente parlare del fenomeno che nella corsa si identifica come euforia da parte degli atleti. La sensazione provocata è pari a quella che si percepisce con le sostanze stupefacenti;
  • ascoltare la musica: la scienza ha posto un grande interesse sulla musica, attuando delle terapie mirate ad alleviare le tensioni. Secondo alcune fonti, sembrerebbe che la musica abbia degli effetti positivi sia a livello fisico che mentale, poiché una canzone è in grado di suscitare delle emozioni e fa stare bene. Il potere della musica è tale da aumentare la soglia del dolore, proprio grazie alle endorfine;
  • ridere: il modo più naturale per rilasciare il buon umore, è ridere. Le endorfine sono degli antidepressivi naturali e anche a livello scientifico è provato che una risata doni numerosi effetti benefici, abbassa la pressione sanguigna, riduce lo stress, aumenta le difese immunitarie e produce benessere alla mente e al corpo;
  • meditare: la meditazione e tutte le tecniche di rilassamento consentono un collegamento tra mente e corpo. Praticare discipline come lo yoga, la mindfulness o la vipassiana, aiutano a stimolare condizioni di benessere e felicità, aumentando il livello di endorfine;
  • accarezzare un animale domestico: è un buon antistress per l’uomo oltre che un piacere per il cane o il gatto. Accarezzare il proprio animale, aiuta a scaricare le tensioni accumulate durante la giornata e consente la produzione di endorfine;
  • abbracciare qualcuno: il contatto fisico prodotto dall’abbraccio fa sì che vengano rilasciati ormoni, donando un’improvvisa sensazione di piacere.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi