Guaranà: proprietà, effetti benefici, controindicazioni

Il guaranà è una pianta rampicante, dal nome scientifico Paullinia cupana Kunth, dalle molteplici proprietà benefiche per la salute dell’organismo. La specie contiene al suo interno la guaranina, un principio attivo del tutto simile agli effetti della caffeina. Andiamo quindi ad approfondire tutte le sue caratteristiche nel dettaglio all’interno dei paragrafi successivi.

Descrizione e caratteristiche della pianta

La pianta rampicante del guaranà appartiene alla famiglia delle Sapindaceae, originaria della foresta Amazzonica, di tipologia sempreverde. Il guaranà può raggiungere fino ai 30 metri di altezza allo stato spontaneo, eretta senza sostegni, oppure appoggiata sul resto degli alberi presenti nella vegetazione.

Coltivata a scopo industriale la pianta del guaranà si presenta sotto forma di arbusto, per un’altezza massima pari a circa 3 metri, in modo tale da semplificare la raccolta dei semi. Il guaranà presenta una corteccia di colore verde in prossimità dei rami più giovani, tendente al marrone invece sul tronco. Le foglie del guaranà si alternano in piccioli in una colorazione verde acceso sulla parte superiore e verde opaco in quella inferiore.

I fiori del guaranà possiedono una colorazione bianca, raggruppati tra loro. Il guaranà è una pianta sacra per moltissime popolazioni Indios, mentre attorno ai suoi frutti si sono sviluppate diverse leggende nel corso del tempo.

Utilizzi della specie e proprietà benefiche

La pianta del guaranà viene considerata da sempre come un elisir di lunga vita grazie alle sue proprietà benefiche per l’organismo. In antichità il guaranà forniva un mezzo di sostentamento nutritivo per moltissime tribù, utile anche per prevenire l’insorgere di specifiche malattie. Il guaranà vanta proprietà toniche-stimolanti per incrementare la resistenza fisica, utile per alleviare i sintomi della dissenteria, i dolori mestruali.

Il guaranà viene consigliato soprattutto nelle diete ipocaloriche per semplificare l’ossidazione dei substrati energetici, per aumentare la frequenza cardiaca, per rinforzare le funzionalità del sistema nervoso, per migliorare i processi digestivi e le funzionalità gastriche. 

Effetti collaterali e controindicazioni della pianta

Il guaranà deve essere assunto sotto stretto controllo a riguardo della posologia giornaliera. La specie può provocare diversi effetti collaterali e controindicazioni legate all’aumento del ritmo cardiaco, insonnia, stati ansiosi. Il frutto del guaranà deve sempre essere assunto a stomaco pieno per via della sua capacità di irritazione delle mucose gastrointestinali.

I soggetti affetti da gastrite e colite devono sottoporre l’assunzione del guaranà al parere del proprio medico curante, al fine di non aggravare lo stato delle patologie. In caso di ipersensibilità o allergia la sua assunzione viene categoricamente sconsigliata.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi