Estratto di semi di uva: proprietà benefiche, utilizzi, controindicazioni

L’estratto di semi di uva presenta moltissime proprietà benefiche per l’organismo, grazie al suo alto contenuto di antiossidanti. L’estratto di uva è stato utilizzato sin dai tempi antichi per scopi medicinali, sfruttato odiernamente anche in fitoterapia e per la preparazione di diversi integratori alimentari. Andiamo ad approfondire tutte le proprietà e caratteristiche dell’estratto di uva nel corso dei paragrafi successivi.

Proprietà e benefici dell’estratto di uva

I semi di uva raccolgono al loro interno la maggior parte dei principi benefici del frutto, utilizzati in campo alimentare, cosmetico, fitoterapico e in campo medico. L’estratto di semi di uva vien sfruttato per il trattamento di diversi disturbi e patologie. I semi di uva vengono generalmente assunti sotto forma di integratori alimentari.

L’estratto dei semi di uva contiene ricche fonti di vitamina E, dalle proprietà anti-tumorali, proprietà antiossidanti importanti sia per la salute dell’organismo che per la salute cutanea. I semi di uva sono inoltre ricchi di flavonoidi, utili per la produzione di un enzima a contrasto delle malattie. In alte concentrazioni si trova anche l’acido linoleico, importante per le cellule dell’organismo.

I semi di uva contengono OPC (protoantocianidine oligomeriche), ovvero bioflavonidi, importanti dal punto di vista dell’azione antiossidante per prevenire le patologie cancerogene. L’estratto di semi di uva previene efficacemente l’ipertensione, l’edema, il colesterolo LDL, l’insufficienza venosa cronica, le emorroidi, il diabete, migliorando anche la visione notturna. 

Dosaggi di assunzione

Come deve essere assunto l’estratto di semi di uva per ottenere tutti benefici sopra elencati nei confronti della salute dell’organismo? La posologia varia a seconda delle motivazioni di assunzione, in correlazione con i vari disturbi o malattie. In caso di insufficienza venosa si consigliano tra i 150 mg e i 300 mg di estratto al giorno.

In caso di edema si consiglia l’assunzione di 200-400 mg al giorno per un periodo di almeno un mese. L’estratto di semi di uva non deve superare l’assunzione continua oltre le 12 settimane consecutive. Per aumentare l’azione antiossidante sono sufficienti 150 mg al giorno, per un massimo di 3 assunzioni nell’arco delle 24 ore. La scelta del miglior integratore a base di semi di uva deve contenere il 100% della presenza di OPC.

Effetti collaterali e controindicazioni

L’estratto di semi di uva non presenta particolari effetti collaterali e controindicazioni. Tuttavia la sua assunzione non deve superare le 12 settimane consecutive, non deve essere assunto in caso di ipersensibilità e allergia al principio attivo, in caso di gravidanza e allattamento. Gli integratori non devono essere assunti in abbinamento a terapie anticoagulanti, per il rischio di un’eccessiva fluidificazione del sangue.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi