Tribolo: cos’è, benefici, utilizzi, dosaggi e controindicazioni

Il tribolo è una pianta che viene utilizzata in fitoterapia per aiutare a contrastare patologie legate alla sfera sessuale. Viene utilizzato come stimolante per la produzione degli ormoni come il testosterone che si occupano di regolare la libido. Si tratta di una pianta spontanea, acquistabile come rimedio naturale in erboristeria.

Un antico rimedio conosciuto e utilizzato nella medicina popolare, diffuso sia in Oriente che in Occidente. Andiamo a vedere nello specifico di cosa si tratta, quali benefici può avere sul nostro organismo, che tipo di effetti collaterali e controindicazioni può provocare.

Che cos’è il tribolo?

Il tribolo è una pianta erbacea che appartiene alla famiglia delle Zygofillacee, la cui altezza può arrivare a raggiungere anche il metro, possiede piccole foglie e fiori di colore giallo. Una pianta originaria dell’India e dell’Africa, molto diffusa sia in Europa che in Australia, specialmente nelle zone più calde.

Nell’America del nord questa pianta è considerata un’erba pericolosa per gli animali e per questo motivo viene rimossa facilmente. Nel nostro paese la si può trovare su tutto il territorio, specialmente in ambienti sassosi e costieri ma ultimamente si è largamente diffusa lungo le vie ferroviarie.

Proprietà ed effetti benefici

Il tribolo è una pianta ricca di proprietà che sembrano essere in grado di rilasciare effetti benefici al nostro organismo, in particolare le sue foglie e semi che contengono la protodioscina. Questo principio attivo sembra avere un’azione stimolante nella produzione di testosterone e altri ormoni maschili.

Tutti questi ormoni sono utili non solo all’uomo ma anche alle donne in quanto possono intervenire nella regolazione della libido, dei caratteri muscolari e nello sviluppo muscolare. Proprio per questo motivo vengono attribuite a questa pianta delle peculiarità afrodisiache che aiutano a migliorare la fertilità in entrambi i sessi e quindi utilizzata come ingrediente all’interno di formulazioni naturali. Inoltre, sembra essere un buon coadiuvante se utilizzata in associazione alle terapie farmacologiche per aiutare a contrastare diverse problematiche. Nello specifico:

  • può aiutare a contrastare disturbi come impotenza e della sfera sessuale;
  • può aiutare a contrastare patologie cardiovascolari e gonfiore addominale;
  • può aiutare a tonificare il fegato;
  • può aiutare a stimolare il sistema immunitario;
  • può aiutare ad aumentare la resistenza negli sportivi;
  • può aiutare a trasformare il grasso e il colesterolo in energia;
  • può aiutare a contrastare disturbi legati ai remi, infiammazioni alle vie urinarie e infezioni se consumata in associazione alle terapie farmacologiche.

La principale funzione di questa pianta sembra quella di aiutare a stimolare le difese immunitarie oltre che può rilasciare effetti benefici sull’apparato riproduttivo. Il consumo viene anche consigliato per gli sportivi, in quanto sembra essere in grado di donare maggiore energia da sfruttare per migliorare le prestazioni.

Modalità di utilizzo

Questa pianta viene particolarmente utilizzata per i disturbi legati alla sfera sessuale sia nell’uomo che nella donna, problemi come: erezione, infertilità e calo della libido. I presunti benefici legati al consumo di questa pianta però non hanno ottenuto ancora oggi dei riscontri ufficiali. In Oriente viene utilizzato nella medicina ayurvedica come possibile ricostituente per l’organismo specialmente indicato per le persone anziane, in Europa come rimedio naturale per aiutare ad aumentare la produzione del testosterone nell’uomo, il numero degli spermatozoi e la concentrazione dell’estradiolo nella donna. Inoltre:

  • può essere utilizzato dagli sportivi: per aiutare ad aumentare le prestazioni, in quanto sembra essere in grado di aiutare a trasformare in energia grassi e colesterolo;
  • può essere utilizzato come rimedio naturale: in associazione alle terapie farmacologiche per aiutare a contrastare disturbi renali e del tratto urinario;
  • può essere utilizzato sotto forma di capsule: che possono essere utilizzati chiedendo un parere di un esperto e consultando le modalità di assunzione riportate sulla confezione;
  • può essere utilizzato per aiutare a migliorare la fertilità e stimolare l’aumento degli spermatozoi;
  • può essere utilizzato per aiutare ad aumentare il liquido seminale prodotto dalla prostata e dalle ghiandole, utile per nutrire gli spermatozoi;
  • può essere utilizzato per aiutare a migliorare la libido: spesso un disturbo legato all’avanzare dell’età;
  • può essere utilizzato per aiutare a migliorare la circolazione sanguigna: in quanto aiuta a stimolare la produzione di testosterone che consente di migliorare la circolazione sanguigna a tutti i livelli. L’effetto principale sembra essere legato alla possibilità di aiutare a contrastare disfunzioni erettili. Aiutando a migliorare la circolazione del sangue, può aiutare a supportare il meccanismo di erezione;
  • può essere utilizzato per aiutare a contrastare la caduta dei peli: aiutando a incrementare la produzione del testosterone, aiuta anche a stimolare l’attività dei follicoli, favorendo così la ricrescita dei peli e dei capelli.

Dosaggio e assunzione giornaliera consigliata

Per potere beneficiare delle proprietà del tribolo, lo si può assumere sotto forma di estratto secco in compresse. In genere erboristi e aziende produttrici ne consigliano dosi giornaliere che vanno dagli 85 ai 250 mg distribuiti in due somministrazioni, oppure sotto forma di capsule da assumere una volta al giorno nel caso in cui la concentrazione del principio attivo dovesse essere elevata. In ogni caso l’assunzione deve essere associata ai pasti, e occorre leggere bene le indicazioni riportate sulla confezione.

La somministrazione degli integratori a base di tribolo viene indicata in quanto:

  • può aiutare a contrastare l’astenia sessuale;
  • può aiutare a proteggere il fegato;
  • può aiutare a contrastare le infiammazioni delle vie urinarie;
  • può aiutare a ricostituire l’organismo delle persone anziane;
  • può aiutare a stimolare la diuresi e proteggere i reni, essendo ricco di potassio;
  • può essere un valido supporto per coloro che praticano sport.

Controindicazioni e possibili effetti collaterali

Non sembra presentare particolari controindicazioni ma se ne sconsiglia l’utilizzo ai bambini, in gravidanza e durante l’allattamento. Coloro che sono immunodepressi dovrebbero evitare di assumere il tribolo. Nel nostro paese non esistono limitazioni sulla vendita, di fatti può essere acquistato liberamente anche in erboristeria.

Al momento non sembrano essere stati riscontrati particolari effetti collaterali legati all’assunzione di prodotti a base di questa pianta. Essendo una pianta spinosa può essere fastidiosa per i ciclisti perché può bucare le gomme delle biciclette e pericolosa per gli animali domestici, perché può insediarsi tra le loro zampe.

Dove acquistare il tribolo? Prezzo

Il tribolo può essere acquistato sotto forma di integratore in compresse in erboristeria, para-farmacia oppure online sui vari siti. Il costo di questo articolo non supera i 50 euro. Ci raccomandiamo di seguire sempre le indicazioni riportate sulle confezioni e di non procedere con somministrazioni fai da te.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi