Estratto di Rambutan: proprietà, utilizzi, controindicazioni

L’estratto di rambutan viene ricavato dai frutti della pianta Nephelium lappaceum L., appartenente alla famiglia delle Sapindaceae. La pianta che produce i frutti del rambutan è un’angiosperma, ossia un albero di origine tropicale in grado di raggiungere altezze medie. Esteticamente, i frutti di rambutan somigliano ai litchi (la ciliegia della Cina), i quali sono del tutto commestibili e adatti all’alimentazione. L’estratto di rambutan viene utilizzato in diversi ambiti, soprattutto nelle formulazioni degli integratori naturali a supporto dimagrante.

Nei seguenti paragrafi andiamo a scoprire tutte le caratteristiche, le proprietà benefiche del rambutan e le sue eventuali controindicazioni.

Rambutan: descrizione e caratteristiche

I frutti del rambutan provengono dalla pianta Nephelium lappaceum L., un albero sempreverde originario dell’Asia Sud Orientale tropicale, che può crescere fino a 20 metri di altezza e presenta piccoli fiori. Il frutto di rambutan ha una forma sferica ed è ricoperto di spine rosse. La polpa all’interno presenta un sapore dolce e un colore traslucido, mentre al centro si trova un seme di consistenza dura.

La traduzione di ‘rambutan’ significa ‘capelli’ e si riferisce alle protuberanze del frutto stesso. Il rambutan vanta diverse proprietà a livello nutrizionale, motivo per cui viene spesso utilizzato all’interno degli integratori alimentari sotto forma di estratto.

Proprietà nutrizionali del rambutan

Il frutto del rambutan presenta una notevole quantità di acqua, zuccheri solubili semplici, sali minerali, vitamine e pochissime fibre. L’alta concentrazione di vitamina C, insieme alla presenza del manganese e dell’acido ascorbico, rende il frutto molto interessante dal punto di vista nutrizionale. I frutti di rambutan possono essere consumati crudi singolarmente, oppure inseriti all’interno di numerose ricette gastronomiche.

Estratto di rambutan: proprietà benefiche

L’estratto di rambutan racchiude numerose proprietà benefiche dovute al fatto che al suo interno si trovano diverse quantità di nutrienti, beta-damascenone, acido cinnamico, vanillina e acido fenilacetico. Inoltre, il rambutan, presenta pochi polifenoli antiossidanti. Dal punto di vista calorico è la polpa del frutto a raggiungere valori medio elevati, mentre i glucidi presenti sono di tipologia solubile. L’estratto di rambutan contiene inoltre acidi grassi insaturi, un basso contenuto di fenilalanina e purine.

Tra le sue proprietà benefiche, l’estratto di rambutan si adatta come supporto ai regimi alimentari ipocalorici per incrementare la perdita di peso, ma anche come integrazione per l’alimentazione degli sportivi.

Controindicazioni dell’estratto di rambutan

Le uniche controindicazioni dell’utilizzo dell’estratto di rambutan sono limitate ai dosaggi. Infatti, in caso di assunzione eccessiva si riscontra un peggioramento nella formazione dei calcoli biliari, andando a compromettere il corretto smaltimento dell’acido urico.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi