Iperico: proprietà terapeutiche, dosaggio, controindicazioni

Liperico, dal nome botanico Hypericum perforatum, è una pianta nota anche con il nome di erba di San Giovanni. La specie sempreverde appartiene alla famiglia delle Clusiaceae e al genere delle piante officinali. L’iperico vanta diversi benefici per la salute dell’organismo e viene sfruttato in campo medico e fitoterapico. Andiamo a scoprire tutte le caratteristiche dell’iperico all’interno dei paragrafi successivi.

Caratteristiche e descrizione della pianta

L’iperico è una pianta officinale anche nota come erba di San Giovanni. La specie presenta un fusto eretto caratterizzato da due strisce longitudinali a rilievo. In controluce le foglie dell’iperico appaiono visivamente bucherellate, composte da piccole vesciche ricche di una sostanza oleosa e ghiandole contenti un olio color rosso.

I fiori dell’iperico sono gialli, con sfumature oro, suddivisi in cinque petali. La pianta cresce soprattutto in aree boscose senza temere le temperature più rigide. Le proprietà terapeutiche dell’iperico vengono associate soprattutto alla cura contro la depressione.

Proprietà terapeutiche dell’iperico

L’iperico viene chiamata anche anche erba di San Giovanni in virtù della storia di Giovanni Battista riportata sulla Bibbia. A scopo fitoterapico l’iperico viene utilizzato per lenire ulcere e gastriti, la dissenteria, la nausea. La specie vanta un’azione analgesica, antidolorifica, sedativa e antidepressiva. 

La pianta si trova attualmente in fase di ricerca da parte degli scienziati per intervenire anche nei trattamenti contro l’AIDS, patologie cancerogene, artrite, psoriasi, ulcere e postumi della sbornia. L’ipericina, presente nelle ghiandole dei fiori dell’iperico, vanta proprietà anti-tumorali, inibisce la crescita dei gliomi, delle patologie cancerogene al polmone e alla pelle.

Utilizzi dell’iperico

L’iperico può essere utilizzato sotto forma di estratto, il quale contiene una decina di componenti farmacologiche compresa l’ipericina, la quercetina, flavonoidi, camperolo, luteolina, isoquercitina, rutina. La pianta può essere assunta in compresse, sotto forma di integratori alimentari e in gocce a seconda delle necessità.

Dosaggi giornalieri raccomandati

I dosaggi giornalieri della pianta consigliano l’assunzione di 300 mg di estratto di iperico per 3 volte al giorno. Generalmente gli stessi dosaggi corrispondono ad una singola compressa di iperico. Nel trattamento contro la depressione il dosaggio può arrivare a 900 mg al giorno, sotto stretto controllo medico a seconda delle casistiche e della gravità del disturbo.

Effetti collaterali e controindicazioni

L’iperico presenta effetti collaterali e controindicazioni in caso di sovradosaggi. Dal punto di vista della tossicità la pianta presenta meno rischi rispetto al farmaco dell’aspirina. Tra gli effetti collaterali si trovano reazioni allergiche, agitazione, spossatezza, irritazioni gastrointestinali. In caso di sintomi anomali è consigliabile interrompere l’assunzione di iperico con effetto immediato.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi