Propoli: proprietà, benefici, controindicazioni

La propoli è la sostanza prodotta dalle api, di consistenza resinosa, derivante dalla corteccia dalla gemma delle piante. Al termine della lavorazione la api aggiungono alla sostanza enzimi, cera e polline. La propoli è quindi un composto completamente vegetale ricco di proprietà benefiche per l’organismo. Andiamo ad approfondire tutte le sue caratteristiche all’interno dei paragrafi successivi.

Caratteristiche e origine

La propoli è una sostanza vegetale prodotta dalla lavorazione delle api, ricavata dalle gemme della corteccia di diverse specie. Sulla sua origine si alternano diverse teorie, ma la più accreditata rimane quella delle osservazioni dirette di Rosch. La sostanza resinosa viene trasformata dal lavoro delle api grazie alla produzione di cere, enzimi e polline ottenuti dal loro stesso organismo. 

Le api rigurgitano il polline per impastarlo in forma più piccola attraverso una cooperazione e diverse ore di lavoro in gruppo all’interno dell’alveare. A seconda della vegetazione presente nell’habitat delle api vengono classificate diverse composizioni di propoli. La maggior parte delle composizioni viene suddivisa in cinque gruppi principali:

  • resine
  • cera, acidi grassi
  • oli essenziali 
  • polline
  • minerali e composti organici

Raccolta e produzione della propoli

La propoli può essere raccolta attraverso il metodo naturale, oppure quello artificiale. Il metodo naturale prevede una raccolta tramite un raschietto della propoli, ottenendo una sostanza di media qualità. L’utilizzo del raschietto ricava una propoli impura, caratterizzata anche dalla presenza di tracce di legno e resti di api morte. Il metodo artificiale permette agli apicultori di ottenere un prodotto di qualità, sfruttando diverse metodologie.

Utilizzi e proprietà benefiche

Le api si servono della produzione della propoli per rafforzare la struttura delle pareti interne dell’alveare, dove depositare le uova. La propoli viene utilizzata dalle api anche per sigillare i fori presenti sull’arnia, andando a ridurre e modellare il foro di volo. Per compiere tale operazione le api mummificano anche i resti delle specie decedute, attraverso un lavoro di diverse ore.

La propoli utilizzata dalle api svolge un ruolo isolante, ad azione batteriostatica. In antichità, le popolazioni egizie, si servivano della propoli per la mummificazione dei faraoni, mentre in epoca successiva era utilizzata per la verniciatura degli strumenti musicali. In tempi più recenti la propoli è stata integrata all’interno delle formulazioni di caramelle contro il mal di gola e infezioni del cavo orale.

Benefici sulle culture agricole

Per la difesa delle culture agricole la propoli viene sfruttata anche come sistema di protezione.  La propoli vanta diverse azioni benefiche, tra cui: antisettica contro vermi, batteri e funghi; azione protettiva per la superficie della frutta; cicatrizzante a seguito delle potature e degli eventi climatici, azione attrattiva per le api.

Benefici medici

A livello medico la propoli viene aggiunta in diverse formulazioni parte degli integratori alimentari ristrutturanti. La sostanza vanta proprietà batteriostatiche, battericide, antibiotiche, antinfiammatorie, antimicotiche, antivirali, antiossidanti, cicatrizzanti, anestetiche, immunostimolanti, riepitilizzanti, vasoprotettive, antitumorali. 

Propoli per combattere le allergie

La propoli è famosa per le sue proprietà antiallergiche, ottenute dalla lavorazione del polline e dei principi attivi. La sua assunzione graduale, e l’utilizzo topico, permette di ‘abituare’ l’organismo e il sistema immunitario agli allergeni. I sintomi dell’allergia possono essere ridotti dall’azione della propoli in virtù dei suoi effetti decongestionanti e antinfiammatori. 

Effetti collaterali e controindicazioni della propoli

La propoli non deve essere assunta dai bambini al di sotto dei 3 anni. L’utilizzo topico della propoli è sconsigliata ai soggetti affetti da allergie ai pollini, al veleno delle api, crisi asmatiche. Tra gli effetti collaterali la propoli può provocare eczemi, edemi della bocca e della lingua, shock anafilattici. 

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi