Oro: cos’è, benefici, tipologie, utilizzi e controindicazioni

L’oro è un metallo prezioso che viene utilizzato sia nella cristalloterapia per i suoi presunti poteri “magici” che in medicina, per i suoi effetti benefici per la nostra salute. Fin dai tempi antichi, a questo metallo veniva attribuita una carica energetica potente, che combinata insieme ad altri metalli poteva rivelarsi un minerale benefico.

Oggi l’oro viene utilizzato soprattutto per impreziosire gioielli, nell’industria elettronica, in alcune terapie farmacologiche antitumorali e in odontoiatria per realizzare le otturazioni. Scopriamo che cos’è, come viene utilizzato, quali sono i suoi effetti benefici sul nostro organismo e che tipo di controindicazioni può avere per la nostra salute.

Che cos’è l’oro e come viene utilizzato?

L’oro è considerato uno dei metalli più preziosi presenti in natura, che sembra essere in grado di rilasciare effetti benefici al nostro organismo, grazie alle sue numerose proprietà. Lavorato in forma colloidale, sembra essere in grado di rinnovare l’energia chimica e della psiche.

Ma non solo. L’oro colloidale, sembra anche essere in grado di aiutare a contrastare problemi legati alla vista, come la congiuntivite e varie patologie. Non esiste un fabbisogno giornaliero o delle dosi da consumare raccomandate. Questo minerale viene assorbito dal nostro metabolismo attraverso l’alimentazione, e il corpo autonomamente è in grado di soddisfare la propria necessità anche assumendone piccole dosi.

Effetti benefici sulla mente e sullo spirito

All’oro sembra essere attribuita la capacità di aumentare l’energia del corpo, infondendo coraggio, autostima e sentimenti positivi. L’oro aiuta, anche, a stimolare la saggezza, e a purificare il pensiero. In Occidente è associato alla simbologia del benessere e del potere, in Oriente, specie nella filosofia buddhista, è legato al simbolo della fede. 

Questo minerale è utilizzato fin dai tempi antichi dagli alchimisti, per produrre altre sostanze come il piombo, grazie alla cosiddetta “pietra filosofale”. Il segno che lo rappresenta è una sfera con al centro un punto che equivale anche al segno astrologico, geroglifico e utilizzato dai cinesi per indicare il sole.

Modalità di utilizzo

L’oro è un minerale usato molto a scopo terapeutico nella cristalloterapia, ma anche in campo medico come nell’odontoiatria per realizzare otturazioni, protesi dentarie, attrezzi chirurgici e in alcune terapie farmacologiche per aiutare a combattere i tumori, così come in gioielleria per creare monili e nell’industria elettronica. In soluzione colloidale, invece, lo si può trovare come ingrediente all’interno di creme anti-age e in balsami. Il suo possibile effetto antirughe trova applicazione solo in concomitanza con gli effetti antibiotici dell’argento e le proprietà del rame.

Quando si parla di oro colloidale?

Occorre fare una fondamentale differenza tra l’oro utilizzato per realizzare oggetti quindi non commestibile e quello colloidale, che invece è commestibile per l’uomo. L’oro colloidale è liquido, di colore rosso o giallo sporco. Questo è molto utilizzato in medicina per aiutare a combattere diverse malattie, la cui efficacia agisce su due livelli:

  • sul piano fisico: in quanto può aiutare a contribuire al miglioramento del lavoro svolto dalle cellule, riequilibrandone le funzioni nel caso di alterazioni. Viene utilizzato per aiutare a contrastare patologie anche di tipo degenerativo, in associazione alle cure farmacologiche indicate;
  • sul piano energetico: in quanto sembra essere in grado di rilasciare un effetto benefico su tutto il corpo, aiutando a favorire la cosiddetta “energia vitale” ovvero l’armonia delle cellule, portandole a raggiungere livelli più elevati di benessere.

Modalità di utilizzo

L’oro colloidale aiuta a rinnovare l’energia di un organismo, in quanto sembra essere in grado di agire sul DNA delle cellule in modo da aiutare a convertire condizioni patologiche degenerative in ottimali. Tutto ciò potrebbe avvenire se assunto in concomitanza alle cure farmacologiche.

Simile all’argento e al platino colloidale, è una soluzione composta da acqua e piccole particelle di oro, che viene utilizzata come integratore alimentare oppure applicata localmente. In commercio si può trovare ionico, la tipologia più leggera oppure puro, la formulazione migliore. Può essere consumato per aiutare a  contrastare piccoli disturbi a livello della psiche e fisici, per aiutare a migliorare le prestazioni e le capacità cognitive. 

Proprietà ed effetti benefici

L’oro colloidale ricco di proprietà, sembra essere in grado di rilasciare, come abbiamo visto, effetti benefici al nostro organismo. In particolare può aiutare a regolare gli ormoni, a donare energia al nostro corpo e aiuta a svolgere un’azione lenitiva per le infiammazioni a livello articolare.

Per tutte queste ragioni, spesso viene utilizzato all’interno di formulazioni naturali e sembra essere un buon coadiuvante se consumato in associazione a cure farmacologiche per aiutare ad alleviare i dolori di artriti, artrosi e reumatismi. La sua presunta azione analgesica sembra essere buona per fare sciacqui e pulire le vie nasali. Consigliato per gli sportivi, studenti o lavoratori, poiché aiuta a migliorare le prestazioni fisiche, stimolando concentrazione, attenzione e memoria.

L’oro colloidale può essere utile per aiutare a combattere tensione, stanchezza fisica e mentale, ansia, depressione e calo del desiderio e disfunzioni sessuali. Può aiutare a favorire le funzioni del sistema nervoso centrale, aiutando anche a migliorare la trasmissione degli impulsi nervosi. Un’altra importante funzione sembra essere la sua azione antiossidante, in quanto aiuta a rallentare l’invecchiamento cellulare e per questo usato in cosmetica da applicare sulla pelle come tonico e antirughe.

Controindicazioni, posologia ed effetti collaterali

L’oro colloidale non sembra avere particolari controindicazioni, e può essere somministrato anche ai bambini. Può però provocare delle reazioni allergiche in coloro che sono intolleranti o manifestano disturbi allergici al principio attivo.

Nei paesi al di fuori dell’UE il dosaggio suggerito cambia a seconda della quantità di oro presente all’interno del prodotto, che di solito è di 15-30 mg al giorno. Prima di utilizzare l’oro colloidale, è bene applicarlo a livello topico per verificare eventuali reazioni allergiche sull’epidermide.

Proprietà benefiche dell’oro inorganico e colloidale

Diversi studi hanno dimostrato che l’oro sia ricco di proprietà e per questo utilizzato all’interno di formulazioni da somministrare in affiancamento alle terapie farmacologiche, per aiutare a contrastare patologie come:

  • artrite, reumatismi;
  • sifilide;
  • tubercolosi;
  • sclerosi multipla;
  • disfunzioni sessuali;
  • problemi spinali;
  • lupus;
  • asma bronchiale;
  • Alzheimer;
  • agisce a livello nervoso e cerebrale con proprietà sedative.

Secondo alcune fonti americane sembrerebbe che l’oro colloidale possa essere in grado di aiutare ad alleviare il dolore, aumentare il senso di fame, migliorare la digestione, il peso corporeo e la forza fisica. In particolare:

  • può aiutare a calmare le infiammazioni: sembra essere in grado di lenire il dolore, il gonfiore provocato da reumatismi, tendiniti e artriti;
  • può aiutare a ringiovanire le ghiandole;
  • può aiutare a migliorare le funzioni cerebrali;
  • può aiutare a bilanciare l’equilibrio mentale e a contrastare ansia, depressione, emotività consumato in associazione a cure farmacologiche;
  • può aiutare a migliorare la circolazione del sangue.

Quotazione e prezzo dell’oro a 18 e 24 carati

L’oro può essere di 18 carati oppure di 24 carati a seconda della quantità di oro contenuto nella lega che lo compone. Questa differenza non determina solo quanto il metallo sia prezioso ma soprattutto la purezza e il prezzo che varia giornalmente a seconda delle quotazioni in borsa. L’oro da 18 carati infatti, essendo composto per 3/4 da oro puro e 1/4 miscelato con altri metalli meno preziosi, ha un prezzo al grammo inferiore rispetto all’oro da 24 carati, che è costituito per il 99% da oro puro. Quest’ultimo viene utilizzato per realizzare i lingotti e ovviamente il costo non è alla portata di chiunque.

Dove acquistare l’oro e l’oro colloidale? Prezzo

L’oro può essere acquistato sotto forma di oggettistica quindi monili, presso gioiellerie, negozi online, siti e-commerce il cui prezzo al grammo varia a seconda della quotazione di mercato giornaliera. La tipologia colloidale invece, può essere acquistata in farmacia, para-farmacia, e nei siti online sotto forma di fialette, creme corpo e oppure per uso medico come integratori in capsule. Il costo di questi prodotti oscilla dai 15 euro ai 100 euro a seconda della tipologia. L’oro colloidale puro costa circa 25 euro per ogni 100 ml di prodotto.

Lascia un commento

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie come specificato nella cookie policy, in alternativa ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy.. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi